×
1 393
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 feb 2019
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Prada: combattuta tra romanticismo e paura

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 feb 2019

Straordinario lo show di Prada, la designer più politicizzata della Milano Fashion Week, che ha sovrapposto il militarismo al romanticismo nella sfilata di moda più contemporanea vista finora in questa stagione.

Prada - Autunno-Inverno 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Con il populismo in ascesa e le politiche governative che cambiano radicalmente in tutta Europa, soprattutto in Gran Bretagna, Francia e Italia (proprio le nazioni che ospitano le tre principali settimane della moda in Europa), la politica contemporanea ha inevitabilmente iniziato a influenzare la moda.
 
Da Prada, quest’idea è stata espressa con chiarezza da una serie di outfit militareschi, composti da giacche e gilè neri multitasche di nylon e fustagno da squadra SWAT d’assalto, anche se abbinati a gonne in pizzo guipure trasparenti – la più sensazionale indossata da Gigi Hadid. Poi da una serie di proposte color kaki, con le modelle che sfilavano in giacche da safari e pantaloni da combattimento. Sebbene ancora una volta con un tocco femminile, apportato con l'aggiunta di camicie turchesi di seta e divertenti borse pelose.

Però l’apertura di Miuccia è stata puro Prada: audaci abiti neri in feltro di lana, con scollatura décolletée e rifiniti con sciarpe di seta o catene di cristallo e poi completati da stivali da combattimento neri in stile Pinball Wizard. A contrappunto, ha mostrato abiti-camicia di cotone bianco completati con fiori di tessuto, i cui gambi pendevano fuori dalla sagoma del busto. I vestiti riuscivano ad essere protettivi e contemporaneamente seducenti.
 
La colonna sonora mischiava "Someday my Prince will Come" con accordi heavy metal tratti dal film Cuore Selvaggio di David Lynch.

Prada - Autunno-Inverno 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


“Il bene e il male, il romanticismo e la paura, le due forze che sento maggiormente al momento. Ho voluto introdurre il bene in un mondo che ha così tanto male. Sebbene ogni ragazza fosse una visione di una storia d'amore”, ha spiegato Miuccia nel dopo-show. 
 
Allestita all’interno della Fondazione Prada, la sfilata ha ricevuto un enorme applauso dai presenti, mentre Miuccia usciva a salutare vestita di un completo pantalone di seta blu cobalto con un atletico gilè, un look addolcito da un enorme pendente blu con zaffiro.
 
“Ho paura della guerra, di qualsiasi tipo. La situazione violenta che in questo momento viviamo in Europa, in un altro secolo ci avrebbe già portato in guerra. Noi designer lavoriamo per persone ricche, facendo vestiti opulenti, ma in qualche maniera la moda è molto rilevante. Quindi c'è una richiesta da parte dell'industria della moda di affrontare argomenti politici. Ciò è molto problematico, poiché è difficile trovare un modo intelligente di farlo. Perché essere superficiali in politica attraverso la moda darebbe solo adito a tantissime critiche. Perché la moda è fatta anche per i momenti leggeri e per il piacere”, ha puntualizzato.
 
In dicembre, la griffe è stata sconvolta dalle pesanti critiche rivoltegli per la presenza, davvero assolutamente sconsiderata, di figure scimmiesche nella sua linea Pradamalia, che molti hanno considerato come esempi di immagini “Blackface”, vale a dire le “faccette nere” degli stereotipi razzisti.
 
Dopo che l'avvocato per i diritti civili di New York Chinyere Ezie scoprì per caso questa mezza dozzina di outfit in vendita nel negozio di Soho del brand, si rese conto di quanto fossero simili alle immagini di blackfaces che aveva visto in una mostra dentro allo Smithsonian National Museum of African American History and Culture di Washington.

Prada - Autunno-Inverno 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Dopo le tantissime reazioni sdegnate, Prada li ha tolti dai propri negozi a metà dicembre, insistendo però sul fatto che fossero “una famiglia di minuscole creature misteriose”, spiegando in un comunicato che le “creature non intendevano rappresentare nessun riferimento al mondo reale e certamente non alla blackface”.
 
Alla domanda su questo problema, la signora Prada ha risposto: “Penso che tutti dobbiamo imparare ad essere incredibilmente più sensibili, e consapevoli. È il minimo che possiamo fare”.
 
L’invito era di colore rosa, lo sfondo del défilé era giallo canarino, e il cast di modelle conteneva più giovani donne di pelle scura di praticamente qualsiasi sfilata precedente di Prada.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.