×
1 388
Fashion Jobs
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità

PMI: approvato il bilancio di Toscana Promozione

Di
Adnkronos
Pubblicato il
today 20 feb 2014
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Le Commissioni Agricoltura e Sviluppo economiche del Consiglio Regionale della Toscana, presiedute da Loris Rossetti (Pd) e Rosanna Pugnalini (Pd) e riunite in seduta congiunta, hanno approvato a maggioranza il bilancio di esercizio 2012 di Toscana Promozione. Hanno votato a favore i consiglieri del Pd e di Fds-Verdi, contrari i consiglieri di Ncd, Udc, Fratelli d'Italia e Più Toscana-Ncd, mentre si è astenuto il gruppo di Forza Italia.

Foto: Ansa - Foto: Ansa


Nel 2012 il valore della produzione di Toscana Promozione, ha spiegato il direttore Stefano Giovannelli, è stato pari a 16 milioni e 994 mila euro, mentre i costi della produzione sono stati pari a 16 milioni e 734 mila euro con un risultato di esercizio che si è attestato a 183 mila 920 euro.

Il personale è sceso dalle 56 unità del 2011 alle 50 unità del 2012 con una diminuzione dei costi di oltre 100 mila euro. Rispetto alle attività svolte nel 2012, Giovannelli ha sottolineato i tre obiettivi strategici seguiti: contribuire alla crescita delle esportazioni delle imprese toscane, contribuire all'incremento del flusso turistico in Toscana, favorire la presenza di investitori esteri qualificati in Toscana.

Due le strategie messe in campo. Quelle di mercato per costruire reti di rapporti con i mercati chiave (in questo senso è stato citato il progetto Cina) e quelle di settore, per promuovere i singoli settori sui mercati stranieri (ad esempio i progetti Moda). Toscana Promozione, inoltre, ha continuato a lavorare sulla determinazione di un brand per la Toscana, perché, ha spiegato Giovannelli, la semplice dizione "Made in Tuscany" non è funzionale a valorizzare i prodotti d'eccellenza.

Nel corso del 2012 Toscana Promozione ha lavorato per rafforzare i livelli dei servizi, le attrazioni degli investimenti esteri e per migliorare i rapporti di collaborazione con Camere di commercio e Associazioni di categoria. Secondo Giovannelli, "la Toscana ha grandi potenzialità sui mercati esteri e per questo deve rafforzarsi in modo più stringente con il livello nazionale". Le iniziative realizzate sono state circa 200, in contrazione rispetto al passato ma focalizzate ad ottenere maggiore impatto.

Secondo il consigliere Marco Taradash (Ncd) "serve riaggregare le tante forme di promozione turistica esistenti". Su questo punto ha insistito anche Giuseppe Del Carlo (Udc): "Ci sono questioni irrisolte. L'esempio più lampante è la promozione turistica, su cui non si è concretizzato il soggetto unico". Per Nicola Nascosti (FI) "è utile una riflessione politica sul sistema della promozione, perché i soggetti in campo sono troppi e si rischia di disperdere risorse e risultati".

Pier Paolo Tognocchi (Pd) ha affermato che i risultati di Toscana Promozione dicono che "il massimo possibile nella condizione data si fa, ma emerge una carenza di sistema. È strano che sul turismo, ad esempio, Apet gestisce le risorse mentre InToscana gestisce la comunicazione". Tognocchi, raccogliendo alcune sollecitazioni alla riflessione politica di Nicola Nascosti ha proposto la creazione di un gruppo di lavoro "per definire una nostra proposta per il sistema della promozione".

I consiglieri Taradash, Marina Staccioli (FdI) e Antonio Gambetta Vianna (Più Toscana-Ncd) hanno infine chiesto chiarimenti sulla campagna pubblicitaria "Divina Toscana", sull'attrazione degli investimenti esteri e sulla diminuzione delle iniziative nel settore agroalimentare.

Giovannelli ha risposto che il progetto di soggetto unico per la promozione turistica si è arenato per la contrarietà delle Camere di commercio, "ma noi continuiamo a lavorare in ottica di sinergie". E a proposito della campagna "Divina Toscana" ha affermato che il bando di gara prevedeva una spesa di 100 mila euro per un progetto che doveva svilupparsi in 18 mesi.

"La correttezza del processo amministrativo è stata trasparente", ha aggiunto, "in seguito è stato deciso di annullare la campagna per motivazioni di carattere politico che non dipendono da Toscana Promozione". Riguardo all'attrazione di investimenti esteri, Giovannelli ha sottolineato che ci sono "interessi per i settori moda e salute, mentre c'è un accordo per la promozione sul mercato cinese di un marchio toscano".

A maggio, inoltre, in Toscana arriverà una delegazione della città di Shanghai per valutare una serie di opportunità. Rispetto alla contrazione di iniziative per il settore agroalimentare, Giovannelli ha spiegato che questo riproduce la contrazione delle iniziative generali, ma con l'ottica di promuovere in modo più efficiente. A questo proposito ha citato le iniziative per le anteprime del vino: "Avevamo sei iniziative distinte che adesso abbiamo unito in un'unica manifestazione".

Copyright © 2019 AdnKronos. All rights reserved.