×
1 367
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Footwear Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · PADOVA
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of E-Commerce Luxury Company- International Country
Tempo Indeterminato · MILANO
BENEPIU' SRL
Responsabile Produzione
Tempo Indeterminato · CARPI
CONFIDENZIALE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
7 ott 2011
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pizzi e plissé, creativi in ribasso

Di
Ansa
Pubblicato il
7 ott 2011

La prossima primavera-estate andranno di moda il pizzo e il plissé, questo é certo, lo dice anche Parigi. A meno che le grandi catene low-cost (prontissime a copiare tutto prima ancora che le novità delle griffe arrivino nei negozi) non ne facciano venir la nausea prima.


Due proposte primavera-estate 2012 di Louis Vuitton - Foto Ansa

Tra pizzo tradizionale e sintetico, morbido o siliconato, di seta, di cotone o di poliestere, origami, sangallo o macramé, svizzero o francese, italiano o inglese, fatto a mano o tessuto come i vecchi copriletti, messo in vista o sottoveste... non c'é nota firma che non ne abbia fatto uso ed abuso. Diciamo che la fantasia creativa é un po' in ribasso.

Una vera indigestione anche di tinte pastello: bianco latte e burro, rosa carne, azzurro bimbo, verde acqua e anice saranno i tormentoni dell'estate prossima. Come l'effetto 3D: nella moda il rilievo c'é sempre stato, tra matelassé e ricami, volants e ruches: ma ora sono vere ossessioni e vengono definite tridimensionali.

Le donne, la prossima primavera-estate, avranno le gonne, non più cortissime ma a sfioro di ginocchio, diritte o svasate, talvolta arricciate. Anche lunghe, diciamo da sera, naturalmente meglio se di pizzo, ma portate con disinvoltura, magari con sandali flat e perfino espadrillas (di pizzo anche queste). Pantaloni skinny sempre in auge, ma meno di prima: ritornano i calzoni larghi e perfino un po' corti, magari con un alto bordo lucido, perchè no.

Le giacche soprattutto a sacchetto, gli spolverini a trapezio, le bluse pure di organza. Borse, pochette e borsette molto lavorate ma con pochi ciondoli. Scarpe con tutti i tacchi possibili, sottili, grossi, a rocchetto, con o senza piattaforme (resistono, resistono, le donne le vogliono e gli stilisti obbediscono). Parigi oggi chiude la stagione delle grandi sfilate del prêt-à-porter, iniziate a New York lo scorso 7 settembre, poi continuate a Londra e quindi a Milano. Il carosello della moda per un po' si ferma, in attesa del prossimo giro (a gennaio l'alta moda e poi da febbraio di nuovo il grand tour fino a marzo).

Restano in sospeso alcune questioni. Non si sa se il calendario sia destinato a cambiare: New York vorrebbe spostarsi in avanti, Milano e Parigi resistono, il grande capo della casa editrice CondéNast, Jonathan Newhouse, ha detto che i suoi giornali non salteranno mai le sfilate americane e inglesi, quindi é meglio che tutto resti com'é. Non si sa neppure cosa succederà in alcune case di moda : Marc Jacobs andrà davvero da Dior? E Phoebe Philo prenderà il suo posto da Vuitton? E chi andrà da Celine? Le passerelle parigine hanno visto l'esordio di alcune nuove direzioni artistiche: da Kenzo, Humberto Leon e Carol Lim hanno fatto piazza pulita del passato e il marchio ora sembra un marchietto. Ungaro è senza stilista e si vede.

Da Christian Dior e da John Galliano mancano le personalità di forti designer, e anche da loro si nota, eccome. Il timore è che il gruppo Lvmh possa pensare che ormai i grandi creativi non servano più e si possa andare avanti con lo staff: se ha quest'idea è meglio che la cambi prima possibile, dice il popolo della moda. La stagione si chiude anche con la sensazione che le sfilate cerchino di isolarsi dall'esterno, che la moda voglia proteggere questi suoi momenti topici dal frastuono delle crisi e delle paure. L'Asia è sempre più forte, anche nelle prime file intorno alle passerelle. I blogger impazzano, alcuni ormai hanno preso i posti dei giornalisti. Il nervosismo è sempre alto, gli uffici stampa sono in genere sgarbati con i giornali italiani, considerati di serie B. Non è un bel momento per la moda, almeno da questo punto di vista: parafrasando Eduardo De Filippo ''ha da passa' a' nuttata''.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.