×
1 107
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 lug 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti elogia l'accordo dell'UE e svela i piani di Dolce & Gabbana

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 lug 2020

Pitti Uomo è sempre la fiera commerciale più importante per il menswear. Il salone fiorentino di moda maschile ha elogiato lo storico accordo dell'UE per la creazione di un fondo per il rimborso delle perdite da coronavirus da 750 miliardi di euro, e ha rivelato maggiori dettagli sui suoi piani ambiziosi per accogliere Dolce & Gabbana a settembre.

La folla di visitatori dell'ultimo Pitti Uomo 97 - Foto: Pitti Immagine


“Quello che è successo a Bruxelles è molto importante per l'economia europea e per quella italiana. L’accordo dovrebbe significare che [i governi] saranno in grado di aiutare le fiere italiane con fondi pubblici. Quindi, il prossimo gennaio riceveremo un forte aiuto in capitali statali”, ha spiegato Raffaello Napoleone, CEO del salone di Firenze.
 
“Abbiamo molte piccole aziende in Italia che hanno sofferto eccezionalmente del blocco dei mercati. Quindi dico grazie al Ministero degli Affari Esteri italiano per aver contribuito a far accadere tutto questo”, ha aggiunto Napoleone, parlando in francese in un briefing su Zoom in cui ha delineato i piani futuri per la fiera e la sua nuova piattaforma digitale interattiva Pitti Connect.

Napoleone non ha indicato quale livello di sostegno finanziario potrebbe arrivare dall'UE a Pitti, che ha un budget annuale di 40 milioni di euro. A causa della pandemia, Pitti Uomo 98, che era previsto per giugno, è stato cancellato.
 
Comunque, Pitti accoglierà una serie speciale di eventi dal 2 al 4 settembre, quando Firenze ospiterà il marchio Dolce & Gabbana per tre giorni destinati ai suoi clienti di Alta Moda.
 
Tra i momenti glamour ci sarà una presentazione della linea di abbigliamento maschile di lusso Dolce & Gabbana Alta Sartoria dentro a Palazzo Vecchio, il municipio medievale di Firenze, seguita il giorno successivo da una sfilata dal vivo dell'Alta Moda femminile. Il défilé avrà come sfondo Villa Bardini, una splendida dimora del XVII secolo con a decorarla un classico giardino toscano, che comprende grotte artificiali, un aranceto, statue e fontane in marmo e una terrazza sul tetto notoriamente romantica con magnifiche viste su Firenze.

Dolce & Gabbana - Primavera-Estate 2021 - Menswear - Milano - © PixelFormula


“Diversi anni fa, Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno lanciato il loro progetto di alta moda e sartoria su misura per uomo e successivamente di gioielleria di alta gamma. Hanno portato questi show on the road in Italia, da Capri ad Agrigento e da Venezia alla Scala, facendo risaltare la bellezza dell’Italia. E, a nostro avviso, Firenze può svolgere un ruolo importante in questo. Siamo deliziati di vederli nella nostra città”, ha sottolineato Napoleone.
 
I due stilisti metteranno in scena anche una presentazione di alta gioielleria, con un pranzo all'interno dei chiostri dell’Officina Profumo-Farmaceutica della chiesa di Santa Maria Novella, e un'opportunità per i loro clienti benestanti di partecipare alla vendemmia presso la nota vigna fiorentina della Cantina Antinori.
 
“Tutto ciò darà un'iniezione di ottimismo”, ha detto Napoleone, che si è complimentato con i designer di base a Milano per l'ennesimo elemento importante che hanno sottolineato: lavorare con artigiani locali.
 
“Domenico e Stefano hanno trascorso 10 giorni qui nelle ultime sei settimane incontrando i nostri più grandi artigiani e chiedendo loro di proporre icone della loro produzione in modo che possano far parte della messinscena di diversi eventi. Hanno deciso di rispettare la città di Firenze e la realtà che i nostri artigiani sono il vero motore del nostro successo”, ha spiegato Napoleone, mostrando immagini di oggetti in vetro, gigantesche fioriere in terracotta e laboratori locali.
 
Tornando a parlare della prossima edizione del salone, Napoleone ha sottolineato i programmi di Pitti per tornare a gennaio 2021, anche se con numeri ridotti. E ha dovuto riconoscere che sarà un evento diverso, soprattutto vista la crisi finanziaria dei grandi magazzini in America, storicamente i maggiori buyer del Pitti. Il salone in genere attira oltre 1.200 marchi per ogni edizione, tuttavia Napoleone ha dichiarato che sta puntando a un obiettivo “più realistico” di 700-800 marchi per gennaio.
 
“Quest'anno abbiamo sostanzialmente perso metà del nostro fatturato annuale e abbiamo compiuto un grande sforzo per creare Pitti Connect, ma disponiamo di buone riserve nell'organizzazione”, ha indicato.

Pitti Connect è l'innovativa ed inedita piattaforma digitale del Pitti - Foto: Pitti Immagine


Lanciata il 16 luglio, Pitti Connect è un’ambiziosa nuova piattaforma con ampie informazioni su tutti i marchi che partecipano al salone. È un tentativo di creare inediti e significativi livelli di networking, fornendo strumenti per interagire con buyer, giornalisti ed espositori.
 
Pitti Connect ha tre “livelli di autorizzazione”. Il primo livello è per tutti. Il livello 2 è riservato agli acquirenti e ai giornalisti registrati. Il livello 3 è un'area sicura, in cui gli espositori forniscono la propria autorizzazione. Include un vero marketplace online, dove i marchi possono caricare i loro cataloghi, i colori e le dimensioni dei loro prodotti, ma anche i listini prezzi, offrendo possibilità di pre-ordine ai retailer e collegamenti a videochiamate in tempo reale per discutere delle proposte.
 
Pitti Connect ha anche collaborato con una squadra diversificata di fornitori di contenuti, da Highsnobiety allo storico della moda Olivier Saillard. E ha lanciato un importante progetto di sostenibilità con oltre una dozzina di giovani marchi guidati dal vincitore del concorso dell’ANDAM Y/Project, e comprendenti lo stilista americano Spencer Phipps, basato a Parigi.
 
“La moda è un'industria così inquinante, quindi l'unica cosa che possiamo fare è essere responsabili e ripulire quando sporchiamo”, ha detto Phipps in un video mostrato durante la call del Pitti su Zoom.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.