×
724
Fashion Jobs
GOLDENPOINT
Marketing&Communication Manager
Tempo Indeterminato · CAVRIANA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Pelletteria
Tempo Indeterminato · VICENZA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile Vendite Italia Estero
Tempo Indeterminato · VICENZA
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Procurement Specialist
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
MICHAEL PAGE ITALIA
Technical Sales - Adesivi - Chimica - Home Office
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Plant Controller
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
E-Commerce & Content Manager
Tempo Indeterminato · VICENZA
MICHAEL PAGE ITALIA
Sales Manager Italia - Produzione Abbigliamento Conto Terzi
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Impiegato Ufficio Tesoreria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Gaming Projects Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Art Direction - Watches & Jewelry
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
HR Retail Business Partner
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DIESEL
Global Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Digital ed E-Commerce Per Brand Sneakers Veneto
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Collezione Maglieria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Associate Leather Goods Merchandising Manager
Tempo Indeterminato ·
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Abbigliamento Romania
Tempo Indeterminato · MODENA
MANPOWER PROFESSIONAL
Export Manager Arredamento Design
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · PADOVA
DIESEL
E-Commerce & Omnichannel Project Manager
Tempo Indeterminato · BREGANZE
Pubblicità
Pubblicato il
27 gen 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti Bimbo al via su Connect, mentre la moda junior contiene la perdita al -13% nel 2020

Pubblicato il
27 gen 2021

Dal 27 gennaio al 5 aprile la 92esima edizione di Pitti Bimbo proporrà sulla piattaforma Pitti Connect una selezione di brand internazionali e le loro collezioni per l’AI 2021-22 dedicata alla moda junior. L’obiettivo degli organizzatori è di arrivare nelle prossime settimane a un totale di 250 marchi, ricalcando il successo della versione virtuale di Pitti Uomo, che sta registrando numeri importanti in termini di visite da parte di buyer e pagine visualizzate.

Pitti Bimbo sarà online sulla piattaforma Connect dal 27 gennaio al 5 aprile

 
“Con la piattaforma Connect, sulla quale abbiamo lavorato assiduamente in questi ultimi mesi per potenziare la raccolta ordini e l’esperienza di navigazione, accompagniamo i nostri espositori nelle loro presentazioni e li mettiamo in contatto con i buyer internazionali, lavorando con loro fianco a fianco”, ha dichiarato Agostino Poletto, Direttore Generale di Pitti Immagine. “Il digitale sarà sempre più utilizzato per la presentazione delle collezioni e le aziende della moda bimbo si stanno attrezzando con investimenti crescenti, creando contenuti di qualità in grado di promuovere le novità e la filosofia dei brand. Anche per Pitti Bimbo abbiamo messo grande attenzione nel costruire il palinsesto editoriale, con un programma di eventi digitali – alcuni anche in live streaming con un gruppo di aziende importanti del bambino – e format che animeranno il nostro Billboard online”.
 
Tra gli appuntamenti virtuali in programma, Gimel, lo specialista del kidswear che produce e distribuisce marchi come Ermanno Scervino, Dondup, Elisabetta Franchi, La Martina, Le Petit Coco, Philosophy di Lorenzo Serafini e Add, organizzerà un evento live con la partecipazione di stilisti e direttori creativi; Petit Bateau racconterà il progetto ‘La Qualité pour Tous’, la sfida fra il sostenibile e un prezzo possibile; e Dolce&Gabbana presenterà la nuova collezione per i più piccoli, con un particolare riferimento alle “family” che circondano i bambini.

Tornano inoltre le sezioni “Pitti Bimbo Editorials”, con una selezione di proposte lifestyle pensate per concept store bambino; “Pitti Bimbo Walk Through”, con stylist e fashion editor che si aggireranno virtualmente tra le showroom di Pitti Connect, proponendo dei temi moda speciali dedicati al prossimo inverno; “Buyers Selects”, in cui alcuni top buyers internazionali stileranno una classifica delle loro scoperte più interessanti tra le proposte di Pitti Connect; e “The Nest Crew”, uno speciale sui kidswear brand lanciati da The Nest, la sezione di Pitti Bimbo che fa scouting sulle realtà emergenti della scena internazionale.
 
Ma come ha reagito la moda bimbi alla pandemia di coronavirus? Meglio dell’adulto, come sottolinea l’AD di Pitti Immagine Raffaello Napoleone” “L’abbigliamento junior in Italia nel 2020 ha contenuto le perdite dovute all’emergenza sanitaria, con una flessione che è stata meno pesante dell’adulto. Il fatto che i negozi di abbigliamento bambino siano potuti rimanere aperti anche durante il lockdown ha contribuito a rendere il settore più dinamico. Siamo fiduciosi che la situazione migliorerà nei prossimi mesi, e siamo in attesa di tornare a svolgere fisicamente le nostre manifestazioni”.
 
Secondo il bilancio preconsuntivo del 2020 stilato dal Centro Studi di Confindustria Moda, il settore dovrebbe registrare una flessione del -13,1%, scendendo al di sotto dei 2,7 miliardi di euro di giro d’affari complessivo, mentre il valore della produzione dovrebbe calare del -18,7%. 
 
Analizzando l’export, per la moda junior si stima una flessione media annua delle vendite estere pari al -13,3%; il valore delle esportazioni di comparto dovrebbe scendere a poco più di un miliardo e 100 milioni di euro, concorrendo al 41% del turnover settoriale. Per l’import è atteso un decremento del -15,7% su base annua, per un valore complessivo di quasi 1,8 miliardi. 
 
Soffermandosi sulla stagione precedente la pandemia, l’autunno/inverno 2019-20, la moda junior ha registrato un calo a valore del -1,8%, contro una media del comparto tessile abbigliamento pari al -2,6%. Per quanto riguarda le tipologie di prodotto, il segmento “bambina” (che rappresenta il 47,3% del sell-out di comparto) è calato del -2,1%, mentre il segmento “bambino” contiene la flessione al -1,5%; il “neonato”, infine, presenta un segno negativo pari al -1,6%. Protagonista della stagione l’e-commerce, che ha messo a segno una crescita del +47,4%, trainata soprattutto dal “bambino” +74,8%.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.