×
1 055
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 mar 2021
Tempo di lettura
5 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pierre Cardin prosegue su tutti i fronti sotto l’egida di Rodrigo Basilicati

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 mar 2021

Moda, teatro, cultura, licenze, immobili, i ristoranti Maxim’s… Le molteplici attività di Pierre Cardin proseguiranno su tutti i fronti. In particolare nel prêt-à-porter, come ha annunciato martedì nel corso di una conferenza stampa Rodrigo Basilicati, nipote del famoso stilista morto il 29 dicembre 2020. In programma, uno studio ingrandito con una ventina di nuove assunzioni e una grande sfilata-evento prevista per il prossimo 29 dicembre con l’obiettivo di ringiovanire la clientela.

Due modelli per la Primavera-Estate 2020 - Pierre Cardin


Ingegnere di formazione, pianista, designer e architetto, Rodrigo Basilicati ha conosciuto Pierre Cardin negli anni Novanta. Lo stilista italo-francese gli affidò all’epoca la linea di mobili “Sculptures Utilitaires”. A partire dal 1999 gli assegnò varie responsbilità facendolo entrare nella holding Pierre Cardin Evolution, di cui divenne Direttore Generale nel 2018 e Presidente nel 2020, pochi mesi prima della sua morte. Oggi, il 51enne Basilicati si trova quindi alla testa di un impero, che non ha certamente lo stesso peso di 30 anni fa al suo apogeo, ma che resta un emblema della moda parigina, che intende valorizzare e perpetuare.
 
Nella conferenza stampa organizzata al ristorante parigino Maxim’s (di proprietà del couturier dal 1981), al fianco di Jean-Pascal Hesse, direttore della comunicazione di Pierre Cardin dal 1995, Rodrigo Basilicati ha reso noti a grandi linee i suoi progetti per il gruppo, che intende rinnovare e rilanciare senza stravolgimenti, rispettando nel contempo l’heritage del suo fondatore. Per ora dunque non è prevista nessuna vendita di immobili o altri asset, né l’assunzione di un direttore artistico esterno. L’idea è di proseguire il lavoro e le iniziative lanciate da Pierre Cardin.

A proposito della casa di moda, l’obiettivo è di “rinnovarla e dare un nuovo twist in più alle vetrine delle boutique”. “Si può continuare la linea di prêt-à-porter Pierre Cardin senza copiarla, bensì rispettandola, perché è molto chiara, con prodotti immediatamente riconoscibili. Vogliamo continuare a far sì che se ne parli senza cambiare totalmente la sua identità, come si fa nelle altre maison”, spiega l’erede spirituale dello stilista, che rafforzerà e guiderà lo studio interno. “Sono qui per pensare alla maniera di mio zio, il più possibile”, aggiunge.
 
L’azienda impiega una sessantina di persone, 23 delle quali lavorano per la casa di moda, e alcune da 30-40 anni. Il team creativo dovrà essere ampliato con una ventina di assunzioni. “È cruciale preservare il savoir-faire di Pierre Cardin. Ha inventato tecniche di cucitura, un particolare sistema per cucire, ma anche per ottenere una costruzione precisa delle forme. Se sarà necessario, reintegreremo alcuni ex collaboratori, in modo che trasmettano queste tecniche alle nuove generazioni”, prosegue Basilicati.
 
Riguardo a Pierre Courtial, entrato in Cardin cinque anni fa grazie a uno stage e in seguito formato dallo stilista, che lo scorso anno gli aveva permesso di lanciare una propria collezione all’interno dello studio, non ci sono progetti particolari. “È stato molto vicino a mio zio negli ultimi due anni. Probabilmente lancerà la propria maison. Ne discuteremo”, dice laconico il PDG.

Rodrigo Basilicati (a sinistra) e Jean-Pascal Hesse durante la conferenza stampa - DR


Nel 2020 segnato dalla pandemia, Pierre Cardin ha avuto il tempo di discutere a lungo con suo nipote. “Mi ha dato molte idee. Ha anche lasciato molti schizzi di modelli, che saranno realizzati per il nostro prossimo défilé. Uno show-fiume sotto forma di omaggio, che si terrà esattamente un anno dopo la sua morte in modo da celebrare la sua memoria”, indica Basilicati.
 
Questo grande défilé di prêt-à-porter femminile, che includerà anche alcuni look maschili, pesenterà per metà delle creazioni inedite di Pierre Cardin e per metà capi totalmente nuovi concepiti dal suo studio. Il couturier, che ha lavorato instancabilmente per 70 anni, ha lascito dietro a sé degli archivi monumentali (che devono ancora essere digitalizzati) e diverse decine di migliaia di vestiti, tutti conservati dal gruppo.
 
“Ha creato l'equivalente di quattro vite di designer di moda! Ci ispireremo al suo lavoro, ma eviteremo anche di copiarlo o ripeterlo. Assumeremo dei giovani designer per rinnovare il suo stile, nel rispetto di ciò che ha fatto”, aggiunge ancora Rodrigo Basilicati. “È la prima volta che saranno presentati dei muovi modelli creati dopo la morte di Pierre Cardin. La sfilata ha anche lo scopo di ispirare i licenziatari, che restano la nostra principale fonte di ricavi”, precisa.
 
Il numero di licenze Cardin attive nel mondo è passato da più di 700 negli anni ‘90 a quasi 350 oggi. “I nostri partner hanno resistito alla crisi del Covid e desiderano mantenere questo marchio. Noi vogliamo arrivare ad un pubblico più giovane. L'idea è cercare nuove licenze anche per i prodotti che non abbiamo mai toccato finora. Inoltre, vorremmo avere le referenze di tutte le categorie di prodotti date in licenza in ogni Paese”, dice il manager, che spera di sfruttare il nuovo interesse per il marchio grazie alla distribuzione in 43 nazioni del film “Pierre Cardin”, realizzato da P. David Ebersole e Todd Hughes.
 
Il fatturato del gruppo non è stato rivelato. “Certo, il 2020 è stato penalizzante come per la maggior parte dei marchi, ma la nostra società resta solida e sana, senza debiti, con una capacità finanziaria che non è mai stata utilizzata e potrebbe essere utile per innescare progetti interessanti”, conclude Rodrigo Basilicati, che confida di non essere l’unico erede di Pierre Cardin, perché una ventina di membri della famiglia sono interessati dalla successione.

Altre due creazioni per la PE 2020 - Pierre Cardin


Per il resto, il gruppo francese rinnoverà lo storico ristorante Maxim’s di rue Royale, che sarà rilanciato attraverso delle “belle ed interessanti soluzioni per restituirgli il suo spirito degli anni Trenta e Quaranta del ‘900, aprendolo anche al pomeriggio e trasformandolo in un luogo di cultura e feste con una clientela ringiovanita”.
 
Nel menù anche il rilancio del Festival di Lacoste, in Provenza, ribattezzato l’art de la scène, che non sarà più incentrato sulla musica lirica, e la costruzione di un nuovo tipo di Espace Cardin a Houdan, nel dipartimento degli Yvelines, nella regione dell'Île-de-France. Il vecchio caseificio acquistato dal sarto di origini venete, non lontano dalla stazione ferroviaria, sarà trasformato nei prossimi anni in sala per mostre e spettacoli, accogliendo soprattutto le creazioni di Pierre Cardin, ma anche un’accademia che ospiterà laboratori e residenze per artisti.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.