×
761
Fashion Jobs
ANONIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Product Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Consumer Analytics & Insight Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Residential Sales Key Account - Interior Design Lombardia - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
International Wholesale Manager - Fragrances
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Wholesale Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONSEA FASHION&RETAIL
Sistemista Informatico
Tempo Indeterminato · FORLÌ
CONSEA FASHION&RETAIL
IT Business Analyst
Tempo Indeterminato · FORLÌ
ADECCO S.P.A
Senior Payroll Specialist Cat. Protette 68/99
Tempo Indeterminato · ROMA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
GOLDENPOINT
Marketing&Communication Manager
Tempo Indeterminato · CAVRIANA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Pelletteria
Tempo Indeterminato · VICENZA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile Vendite Italia Estero
Tempo Indeterminato · VICENZA
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Procurement Specialist
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
MICHAEL PAGE ITALIA
Technical Sales - Adesivi - Chimica - Home Office
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Plant Controller
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
E-Commerce & Content Manager
Tempo Indeterminato · VICENZA
MICHAEL PAGE ITALIA
Sales Manager Italia - Produzione Abbigliamento Conto Terzi
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Impiegato Ufficio Tesoreria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Gaming Projects Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Art Direction - Watches & Jewelry
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 dic 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pierpaolo Piccioli sulla nuova esperienza “Re-signify Part One Shanghai” di Valentino

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 dic 2020

Pensate alla nuovissima brand experience del marchio Valentino - allestita nella più grande città in espansione della Cina, ovvero Shanghai - come al massimo in fatto di semiotica dell’eleganza.

Valentino


Intitolato “Valentino: Re-signify Part One Shanghai”, il progetto consiste in una mostra multidisciplinare di fotografia, belle arti, cinema e moda, pensata per rappresentare “una revisione dei segni e dei codici della maison Valentino”, secondo Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della firma romana.
 
Roland Barthes non avrebbe potuto dirlo meglio.

In sostanza, l’evento cosituisce un primo capitolo in cui i temi di Valentino sono stati estratti dall’archivio e dall’oggi per essere innestati in ambiti nuovi, concentrandosi su due codici precisi. La “Stud”, dalla sua nascita e nelle varie versioni successive fino alla Valentino Garavani “Roman Stud”, introdotta con la collezione Valentino “Diary”. E poi l’universo estetico dell’Atelier, tra botanica e abilità artigianale. Un terzo codice, fondamentale e ubiquo è quello della Couture.

Il progetto “riguarda il mantenere disponibili i codici della casa per l’oggi; e l’essere rilevanti nell’oggi. È più un'esperienza che una mostra, che collega i codici di Valentino all'arte e al cinema underground. Parla del condividere una sensibilità e non uno stile di vita”, ha spiegato infatti Piccioli a FashionNetwork.com in una call su Zoom da Roma.
 
“Volevamo un progetto aperto e l'inizio di una prospettiva diversa. Aprire la nostra casa di moda a un altro mondo. A partire dalla nascita della maison nel 1960 fino al primissimo abito rosso Valentino e arrivando agli accessori dell'atelier, fino al red carpet e al daywear”, ha aggiunto Piccioli.
 
“Re-signify” è allestita nella nuova istituzione artistica più alla moda della città, la Power Station of Art, location della Biennale di Shanghai, dal 19 dicembre al 17 gennaio. Lo spazio è suddiviso in gallerie, camere, una biblioteca, un Dungeon Club e persino una “Stanza dell’empatia”.

Valentino


“Shanghai è una cultura davvero molto lontana. Il nostro passato è molto meno conosciuto in Cina che in Europa e negli Stati Uniti, quindi è fantastico presentare questo concept a Shanghai”, ha detto il designer, spiegando la scelta del luogo.
 
I punti salienti del percorso di visita includono la video installazione di Cao Pei “COSPlayers”, dove i bohémien del cosplay artistico incontrano i Power Rangers, le Polaroid multiple di Robby Müller, reinventate con retroproiezioni, e le immagini del centro nevralgico della casa di moda a Roma, Palazzo Mignanelli.
 
Invece la biblioteca contiene triangolazioni dei vari archivi della casa: dalle visioni di Stanley Mouse nel quartiere Haight Ashbury di San Francisco alla fotografia grafica di Sølve Sundsbø fino alla campagna per la “Diary” scattata da Piccioli.
 
Il percorso emozionale conduce a una piazza centrale, dove viene proiettato un video, girato da Nick Knight, con gli abiti d’alta moda iper allungati dalle dimensioni oversize della collezione Autunno-Inverno 2020/21 “Couture of Grace and Light”, visti per la prima volta in una sfilata phygital a Cinecittà quest'estate. Mentre le impalcature consentono ai visitatori di avvicinarsi a questi abiti fuori scala.

E infine si arriva al Dungeon, pieno di borchie, l'emblema distintivo di Valentino sotto Piccioli, e un incontro di ciò che lo stilista chiama “una caratteristica distintiva e ricorrente che ridefinisce e identifica lo stile Valentino di oggi, che combina la Roma classica con la ribellione della cultura underground”.
 
Intere pareti sono ricoperte con le iconiche calzature a tacchi alti con borchie, le slipper e i sandali della casa di moda e lusso. Le scarpe sono poste davanti a varie serie di pannelli multipli a specchio e ad immagini di palazzi rinascimentali di Roma dalle mura bugnate.

Valentino


“Dieci anni fa abbiamo avuto le prime idee punk per creare una rottura molto importante nei codici della maison. E ora, quella nelle regole del romanticismo che potete vedere oggi. Le nostre scarpe possono essere viste come punk, ma si possono vedere bugnati che sembrano borchie rock su qualsiasi porta romana. E Valentino è l'unica casa di moda sartoriale romana”, sorride il 53enne Piccioli, il cui stile romantico moderno è stato estremamente influente nella moda dell’ultimo quinquennio.
 
Lo stilista spera di portare in tour una variante di questa celebrazione del marchio (curata da Mariuccia Casadio e Jacopo Bedussi), anche se non ne ha ancora deciso la prossima location. L’esposizione esperienziale si caratterizza per essere il primo grande evento di Valentino a Shanghai dal tempo dell’epica sfilata che aveva allestito nel 2013 in un'ex terminal di navi da crociera sul fiume Huangpu, la quale coincise con l'apertura di un flagship di 700 metri quadrati nel centro della città.
 
La Cina resta un mercato vitale per Valentino, che un anno fa vi ha aperto un altro flagship nel quartiere hipster di Sanlitun, a Pechino. Tuttavia, dopo diversi anni di rapida crescita, gli affari del marchio italiano sono stati fiacchi a livello internazionale. Il fatturato nel 2019 ha registrato un tiepido aumento del 2,4% a 1,223 miliardi di euro, fatto che ha portato alla partenza dell'amministratore delegato di lungo corso Stefano Sassi e alla sua sostituzione con Jacopo Venturini a giugno.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.