×
1 773
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Vietnam
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager - Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicato il
19 apr 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Per Patrizio Bertelli, Prada ha fatto bene nei primi 4 mesi nonostante Russia e Cina

Pubblicato il
19 apr 2022

Il gruppo italiano di moda e lusso Prada ha registrato ottimi risultati nei primi quattro mesi dell'anno grazie soprattutto all’attività negli Stati Uniti, che ha compensato l'impatto della sospensione delle operazioni in Russia e dei lockdown causati dal coronavirus in Cina, ha affermato il CEO del gruppo, Patrizio Bertelli.

Patrizio Bertelli, CEO di Prada - Foto: Andrea Frazzetta


Bertelli ha aggiunto che la casa di moda milanese quotata a Hong Kong non ha intenzione di rivedere i propri obiettivi, mentre potrebbe prendere in considerazione una doppia quotazione alla borsa di Milano in futuro, secondo un'intervista rilasciata al settimanale L'Economia del Corriere della Sera pubblicata martedì.
 
La Russia rappresenta solo il 2% delle vendite del gruppo, ma la Cina “è importante e negli ultimi 15 giorni vi abbiamo chiuso più del 50% dei nostri negozi”, ha affermato Bertelli.

Tuttavia, il dirigente (che considera il Made in Italy “elemento fondamentale del lusso”, che “continuerà a essere premiante nel lungo periodo”, con un “divario fra chi produce Made in Italy e chi non produce in Italia che sarà sempre più marcato”) ha aggiunto che la società “ha fatto bene, al di sopra delle aspettative” nel primo trimestre, con gli Stati Uniti che hanno compensato la debolezza della Cina, e ha anche riferito di buoni risultati registrati nella prima parte di aprile.
 
L’imprenditore aretino ha ribadito che suo figlio, Lorenzo Bertelli, gli succederà fra “tre o quattro anni” e che l'opportunità di fondere i principali marchi italiani in un unico gruppo – seguendo il modello seguito dai colossi francesi della moda Kering e LVMH – è ormai andata.
 
“Per me il momento opportuno è stato dal 2000 al 2010, ora siamo molto indietro”, ha detto Bertelli, che recentemente ha comprato, esclusivamente a titolo personale, lo storico ristorante della sua città “La buca di San Francesco”, chiuso da prima dei lockdown, ricorda ancora l’inserto economico del quotidiano milanese.
 
Nella stessa intervista, Bertelli ha sostenuto che con l’allargamento del mercato mondiale verificatosi “in particolare dopo il 2000”, in Italia “il vero, grande, limite nel nostro settore sia stata […] la scelta di “accontentarsi”, preferendo un Ebit del 5% anziché del 15%. Ma un’azienda che non guadagna non può crescere”. Per lui, comunque, in Italia abbiamo anche esempi “del contrario, pensiamo a Luxottica e Ferrero, i nomi migliori che possiamo fare: due società che hanno sempre puntato a crescere, una quotata, l’altra no… Penso che sia un tema di atteggiamento imprenditoriale. Nella moda questo non è successo”.

Con Reuters

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.