×
725
Fashion Jobs
EDAS
Accounting Supervisor
Tempo Indeterminato · ROMA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci_Global Client Services Program Manager
Tempo Indeterminato ·
PAGE PERSONNEL ITALIA
Product Manager Magliera Donna- Luxury- Monza
Tempo Indeterminato ·
MASSIMO ALBA SRL
Responsabile Programmazione Della Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Indirect Procurement Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Head of Sales & Marketing Logistics
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Commerciale Estero Donna
Tempo Indeterminato · CARPI
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate Facilities Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Coordinatrice/Coordinatore di Campionario
Tempo Indeterminato · CARPI
MAGLIFICIO FERDINANDA SRL
Pianificatore e Controllo Produzione
Tempo Indeterminato · VAZZOLA
MARALD SPA
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate Facilities Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Retail Customer Manager (m/f)
Tempo Indeterminato ·
HAVAIANAS
Legal Manager
Tempo Indeterminato · MADRID
AXL
Category Buyer Responsabile Facility
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci - Digital Gucci.Com & Concessions General Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Junior Retail Stock Planner- Canale Ecommerce
Tempo Indeterminato ·
STEWART
Export Area Manager Europa
Tempo Indeterminato · REGGELLO
CONNECTHUB DIGITAL
Senior Sap Consultant
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
Customer Success Specialist Tedesco Madrelingua
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Sales Director Menswear Department
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
9 set 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Per J.J. Guiony (CFO LVMH) la decisione ministeriale rende il ritiro dall'accordo con Tiffany un fatto compiuto

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
9 set 2020

La più grande azienda di lusso del mondo, la francese LVMH, ha affermato martedì che la sua decisione di ritirare l'accordo per l'acquisto di Tiffany & Co, la sua maggiore acquisizione di sempre, era semplicemente dovuta a una lettera del Ministero degli Esteri francese che gli ordinava di ritardare l'acquisizione da 16,2 miliardi di dollari della società americana di gioielleria.

Tiffany - Instagram (@tiffanyandco)


“Non possiamo più continuare con questo accordo”, ha sostenuto Jean-Jacques Guiony, il Chief Financial Officer del gruppo LVMH, in una conference call con la stampa finanziaria, incolpando completamente il governo francese per il cambio di programma.
 
“Non possiamo imporre una struttura dell'accordo che è tutta poco chiara. Quindi, non andremo avanti con l’affare a causa di questo motivo tecnico. Dobbiamo rispettare i termini della lettera”, ha insistito Guiony (qui maggiori dettagli sulla lettera del governo francese e sulla richiesta di Tiffany di scalare la data del closing).

Alla domanda diretta se LVMH avesse intenzione di chiedere un risarcimento al governo francese, Guiony ha manifestato un perentorio diniego a questa possibilità, in quanto non si può contestare una direttiva ministeriale.
 
“Loro (il governo) ti dicono solo cosa si aspettano che tu faccia. Hanno semplicemente messo in chiaro, nel contesto delle discussioni commerciali, che dobbiamo rimandare [il perfezionamento dell’affare] a gennaio 2021. Ecco tutto”, ha detto il direttore finanziario, parlando in inglese, aggiungendo che LVMH aveva inviato una lettera a Tiffany insieme a una traduzione francese delle istruzioni dettate dal ministro.
 
“Non è una storia che abbiamo inventato ieri. È una lettera piuttosto breve e loro (il ministero) non hanno spiegato perché non volevano che ciò accadesse. È una lettera valida e il governo ha il diritto di scriverla”.
 
In risposta, Tiffany ha già annunciato l'intenzione di contestare questa decisione in tribunale, ma Guiony ha precisato che LVMH è fiducioso della pefetta legalità della sua posizione.
 
“Faccio fatica a concepire che un giudice del Delaware, vedendo una lettera francese valida proveniente da un ministero che dà istruzioni precise ad una società anch’essa francese, possa ignorarne il contenuto. Perché è questo l’oggetto del contendere. La situazione legale è arrivata a questo punto. Vediamo cosa succede”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.