×
1 607
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Merchandising Manager - Abbigliamento e Calzature - Padova
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Export Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · TREVISO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mag 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pepe Jeans ricorre a Rothschild e McKinsey per ristrutturarsi e rifinanziare il debito

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mag 2019

Di proprietà del multimilionario libanese Najib Mikati e con sede sociale a Barcellona, il marchio Pepe Jeans sta mettendo in atto un piano di risanamento per tornare in buona salute dal punto di vista economico con l'aiuto dell'agenzia di consulenza McKinsey e della banca d’investimenti Rothschild.

Pepe Jeans si prepara a lanciare un piano di risanamento - Pepe Jeans London - Facebook


Pepe Jeans avrebbe contattato le due entità perché lo aiutassero a porre in essere un piano di risanamento aziendale al fine di diminuire la portata della rete di negozi e il numero dei dipendenti, secondo le informazioni pubblicate martedì dal giornale economico spagnolo El Confidencial. Il marchio ha richiesto i servizi dell'agenzia McKinsey per effettuare una verifica delle sue spese, e lavorare con il presidente di Pepe Jeans, Carlos Ortega, per tentare di adattare il suo modello di business all’era del digitale e alle nuove abitudini dei consumatori.
 
Pepe Jeans ha anche fatto ricorso alla banca d’investimenti Rothschild per rinegoziare il finanziamento del debito di 250 milioni di euro che ha contratto presso le banche BBVA, Santander, Caixabank, Bankia e Barclays. Il marchio negozierà con i suoi creditori per la terza volta: due estensioni gli sono già state concesse nell’ultimo trimestre del 2016 e un prolungamento dell'ammortamento del suo prestito fino a luglio 2021 gli è stato accordato nel giugno del 2017.

Pepe Jeans ha la sede esecutiva in Spagna, quella fiscale in Olanda e il suo mercato principale è il Regno Unito. Dal 2015, il marchio spagnolo fa parte del gruppo di investimento libanese M1, che l’ha acquisito per la somma di 720 milioni di euro. Oggi, il revisore del gruppo PwC ritiene che il suo valore reale sia peggiorato a causa dell'evoluzione negativa del suo fatturato.
 
Il gruppo di moda ha cominciato ad accusare perdite nel 2017 con una minusvalenza in conto capitale di 13,11 milioni di euro. Nell’ultimo esercizio, secondo El Confidencial, questa cifra è aumentata ancora, a 13,68 milioni di euro, con un EBITDA negativo di 12,72 milioni di euro e un fatturato di 566 milioni di euro, identico a quello del 2017.
 
Nel prossimo futuro, Pepe Jeans dovrà soprattutto affrontare la ristrutturazione della sua rete di store. A fine marzo del 2018, il gruppo disponeva di 355 punti vendita: 219 boutique Pepe Jeans London, 105 vetrine del brand Hackett, 29 negozi partner Tommy Hilfiger, 2 negozi Norton e 16 spazi ad insegna Façonnable.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.