×
1 654
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Merchandising Manager - Abbigliamento e Calzature - Padova
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Export Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · TREVISO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
Di
Ansa
Pubblicato il
10 lug 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Paris Haute Couture: Valentino bellezza classica preraffaelita

Di
Ansa
Pubblicato il
10 lug 2014

C'è un'idea sacra della bellezza, in senso anche pagano, e c'è la pittura preraffaellita nella collezione Valentino Haute Couture. Una corrente artistica (cui è dedicata una mostra ancora in corso a Torino) così intensamente centrata sulla bellezza avrebbe spaventato chiunque. Non Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli che l'hanno scelta per fare il loro discorso sulla beltà femminile nella moda.

Paris Haute Couture, Valentino - Foto: Ansa


I vestiti sono un incanto, neanche a dirlo. Bisognerebbe descriverli uno per uno come si fa con le opere d'arte. Stavolta poi le citazioni dei quadri sono precise: una sfida titanica (ma vincente) pensare di riprodurre lo spirito pittorico di sir Lawrence Alma Tadema nella toga di lana grigio-azzurra con un'ala sciolta sul fianco. Oppure concepire il peplo che si ispira alla "Deianira" di Evelyn De Morgan e avvolge la modella con un drappeggio che pare rigirato al momento ma è un gioco raffinato di chiusure.

Paris Haute Couture, Valentino - Foto: Ansa


C'è il quadro "Monna Vanna" di Dante Gabriele Rossetti nel completo con cappotto e gonna color diaspro in cashmere double tutto ricamato di arabeschi in seta e marcassite. La Clitennestra di John Maler Collier è interpretata da un soprabito avorio con applicazioni di lana, pelle e oro. Lo smoking una lunga gonna di plissé ha la giacca che si chiude con un laccio rigirato intorno alla vita. E' un tema che ritorna sempre, quello del nastro avvolto e annodato alto in vita, quasi a voler citare il corsetto d'alta moda: sono infatti vestiti che stanno nella tradizione, ma sono fatti in modo diverso dal passato "quando i grandi abiti - dice Piccioli - stavano in piedi da soli, tanto erano strutturati".

Paris Haute Couture, Valentino - Foto: Ansa


Qui il vestito lungo di plissé verde è un soffio e così anche l'abito grigio di tulle con lo "scapolare" ricamato d'argento e dipinto di verde giada. Pepli, toghe, scapolari, calzari, fasce, sono tutti riferimenti all'antichità classica e ai quadri preraffaelliti, con qualche contaminazione: il grandioso abito del finale è come una giostra, una Cavalcata fantastica, ispirata all'omonimo quadro di Fortunato Depero, e siamo ormai negli anni Venti del secolo scorso.

Paris Haute Couture, Valentino - Foto: Ansa


Ma perché questo azzardo e tutto questo cimento? Per affrontare - spiegano i due - il concetto di bellezza come arte, nel senso classico, nella sua sacralità che non va abbrutita ma semmai personalizzata e adeguata ai tempi. "Non bisogna aver paura della bellezza" dicono Chiuri e Piccioli ripetendo in fondo quello che è sempre stato il principio della maison Valentino. Ma con la sfilata couture di oggi, i due hanno anche voluto rispondere a un'obiezione che veniva fatta al loro stile. Non era proprio una critica, ma un appunto che suonava così: certo, voi fate collezioni molto eleganti ma è facile rendere tutto raffinato quando si sceglie lo stile severo, accollato, pudico.

Paris Haute Couture, Valentino - Foto: Ansa


Maria Grazia e Pier Paolo replicano oggi con 61 uscite in passerella, piene di vertiginose scollature sul seno e sulla schiena: "E' una sfilata contro i luoghi comuni, contro l'idea che il vestito scollato non possa essere elegante. Sì, abbiamo voluto dimostrare che il nostro stile non ha bisogno di severità, che possiamo anche aprire uno scollo fino in vita". Perché la bellezza è "un valore da rendere sempre contemporaneo" è un riferimento di cui non aver paura: "Pensare di cavarsela lavorando sul brutto, sull'ugly-chic, è una scappatoia che non ci convince". E non convince neppure la clientela che accorre chez Valentino: "l'età media della cliente d'alta moda - spiega l'amministratore delegato Stefano Sassi - è 40 anni, quest'anno il fatturato haute couture cresce del 35%, abbiamo portato l'organico da 40 a 60 dipendenti".

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.