Parigi: una settimana maschile della moda energica e attesissima

La moda ama i debutti più di ogni altra cosa. Questo è un fatto positivo, perché Parigi ne aspetta due di importanza notevole da Louis Vuitton e da Christian Dior, nel corso di quella che sarà sicuramente una settimana del prêt-à-porter maschile ricca di eventi. La moda ama però anche i ritorni, in questo caso la Fashion Week francese vedrà quello di Raf Simons.

Guarda la sfilata
Louis Vuitton - Autunno-Inverno 2018 - Prêt-à-porter maschile - Parigi - © PixelFormula

Da Vuitton, l’iperattivo stilista-star Virgil Abloh, statunitense d’origine ghanese cresciuto a Chicago, svelerà la sua prima collezione per Louis Vuitton nel primo pomeriggio di giovedì. Si sa già che il Mago di Oz figura tra i temi centrali della linea, e si prevede che lo spaventapasseri del musical faccia un’apprizione sulla passerella.
 
La settimana si preannuncia molto impegnata per Virgil Abloh, che presenterà anche la propria label Off-White mercoledì mattina, e inaugurerà una mostra comune con l’artista giapponese Takashi Murakami, intitolata “Technicolor 2”, alla galleria Gagosian di Parigi, proprio a fianco degli Champs-Elysées.
 
Sabato, il predecessore di Virgil Abloh da Vuitton, Kim Jones, presenterà le sue prime idee per Dior Homme nel tardo pomeriggio all’interno della Garde Républicaine, il Reggimento di Stato francese. Coloro che conoscono Dior dall’interno raccontano che Kim Jones si è impegnato tantissimo ed è stato oberato di lavoro per preparare questo défilé. Il suo ultimo post su Instagram, che ha pubblicato lunedì poco prima di mezzanotte, mostrava una foto con il nome di Christian Dior impresso su una facciata, e la dicitura "Buonanotte". Kim Jones ha già svelato una delle sue idee, vestendo con un frac il suo vecchio amico David Beckham per il matrimonio reale del Principe Harry e di Meghan Markle il mese scorso. Scommettiamo che le proposte che mostrerà sul palco saranno molto più all'avanguardia.

Raf Simons - Autunno-Inverno 2018 - Prêt-à-porter maschile - Photo: PixelFormula

Ma l'evento più seguito sarà probabilmente quello di Raf Simons, che torna con la sua griffe omonima a Parigi dopo un’interruzione di tre stagioni, durante le quali ha sfilato a New York. Raf Simons farà un ritorno trionfale, dato che ha appena vinto il premio come stilista di ready-to-wear femminile del CFDA per il secondo anno consecutivo per il suo lavoro per Calvin Klein.
 
Virgil Abloh e Raf Simons non sono i soli stilisti ad avere due lavori. Prendete Luke Meier di OAMC, che presenterà la propria collezione mercoledì, e poi le sue ultime idee per Jil Sander, il marchio originario di Amburgo ma con sede a Milano, che dirige congiuntamente con la moglie Lucie.
 
La Settimana della Moda maschile di Parigi sarà una delle più lunghe Fashion Week degli ultimi decenni. Comincia la sera di martedì 19 giugno con il marchio CMMN SWDN, fondato dai membri del team di Kanye West, Saif Bakir e Emma Hedlund, che suscita molta ammirazione nonostante il suo strano nome, e si concluderà con Kenzo domenica sera alle 20. Ma in realtà andrà in un certo modo ad estendersi fino al giorno dopo a Marsiglia, dove Jacquemus presenterà la sua primissima collezione maschile lunedì 25 giugno.
 
Due anni fa, Parigi e Milano avevano pressoché lo stesso numero di sfilate. La capitale francese ne conta oggi il doppio. 15 nazionalità in totale per 50 show e un numero enorme di presentazioni sotto forma di eventi.

CMMN SWDN -Autunno-Inverno 2017 - Prêt-à-porter maschile - Foto: CMMN SWDN

Già questo martedì sera sfila l’attesissima label Ambush della designer Yoon Ahn, recentemente nominata stilista degli accessori di Dior Homme su scelta personale di Kim Jones. Scelta intrigante, con Ambush che sarà presentato all’interno dell'Atelier Brancusi nel Centre Pompidou. Aspettatevi molto entusiasmo anche per il lancio a Parigi di Mackintosh 0003, la collezione futurista creata da Kiko Kostadinov per il marchio britannico di impermeabili.
 
La stagione ha comunque perso alcune sfilate importanti, da Berluti a Haider Ackermann. Ma i grandi maestri contemporanei come Yohji Yamamoto, Comme des Garçons, Martin Margiela (diretto da John Galliano) e Rick Owens, e i classici cool come Thom Browne e Hermès, saranno tutti presenti, attestando il ruolo predominante di Parigi, probabilmente la settimana di sfilate più importante del mondo in materia di moda maschile.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Sfilate
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER