×
1 202
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Franchising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
VICTORIA’S SECRET
Area Manager Victoria's Secret
Tempo Indeterminato · BERGAMO
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
L'AUTRE CHOSE
Addetto al Reporting e Controllo di Gestione
Tempo Indeterminato · PORTO SANT'ELPIDIO
VALENTINO
Digital Media Planning & Buying Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
Pubblicità

Parigi e Bruxelles pronte a ritorsioni a dazi USA

Di
APCOM
Pubblicato il
today 4 dic 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sei i due leader, Donald Trump ed Emmanuel Macron, si dicono convinti di poter ripianare le loro differenze, il governo di Parigi e l'Unione Europea sono pronti a dare battaglia se il presidente USA passerà dalle parole ai fatti, imponendo dazi fino al 100% sulle importazioni di prodotti francesi, quali champagne e borsette, che hanno un valore complessivo di 2,4 miliardi di dollari.

ansa


La minaccia di tariffe punitive è arrivata da Trump dopo un'inchiesta dell'amministrazione USA che ha stabilito che la nuova tassa francese sui servizi digitali danneggia soprattutto i colossi tech statunitensi e alza il tono della disputa commerciale strisciante tra Stati Uniti ed Europa.

"Cominciano a tassare prodotti altrui perciò andiamo e li tassiamo", ha detto Trump prima del vertice Nato. In precedenza Trump aveva detto che non consentirà alla Francia di approfittare delle società USA e che l'Unione Europea tratta gli USA in modo molto ingiusto sul commercio.

Il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha definito inaccettabile la minaccia e ha detto che la tassa francese non discrimina le imprese americane. "In caso di nuove sanzioni americane, l'Unione Europea sarebbe pronta a ritorsioni" ha detto a Radio Classique. La Commissione europea ha detto che i ventotto si muoveranno insieme e che la sede migliore per la soluzione di dispute commerciali è la World Trade Organization.

Gli USA hanno già imposto dazi del 25% su vini e formaggi francesi in risposta a sussidi all'industria aeronautica europea la digital tax francese, pari al 3%, si applica ai ricavi da servizi digitali delle società con più di 25 milioni di euro di ricavi in Francia e 750 milioni di euro in tutto il mondo. Un'indagine dell'ufficio del Rappresentante per il Commercio USA ha stabilito che la tassa è "incoerente con i principi prevalenti della policy fiscale internazionale" ed è "insolitamente onerosa" per le società USA come Google, Facebook, Apple e Amazon”.

Le Maire ha ripetuto che Parigi è pronta a lasciar cadere la digital tax se si troverà un accordo in sede OCSE sulla riforma di un sistema di tassazione vecchio di decenni. "Siamo pronti ad adottare la soluzione OCSE sulla digital tax. Se gli USA fanno lo stesso la questione è chiusa", ha detto il ministro.

Le Maire ha detto che la questione della disputa con gli USA è stata già sollevata in Sede UE e che Parigi "può contare sulla solidarietà europea". Il ministro deve incontrare il nuovo commissario UE al Commercio Phil Hogan per discutere della questione.

Fonte: APCOM