×
1 275
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
4 dic 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Parigi e Bruxelles pronte a ritorsioni a dazi USA

Di
APCOM
Pubblicato il
4 dic 2019

Sei i due leader, Donald Trump ed Emmanuel Macron, si dicono convinti di poter ripianare le loro differenze, il governo di Parigi e l'Unione Europea sono pronti a dare battaglia se il presidente USA passerà dalle parole ai fatti, imponendo dazi fino al 100% sulle importazioni di prodotti francesi, quali champagne e borsette, che hanno un valore complessivo di 2,4 miliardi di dollari.

ansa


La minaccia di tariffe punitive è arrivata da Trump dopo un'inchiesta dell'amministrazione USA che ha stabilito che la nuova tassa francese sui servizi digitali danneggia soprattutto i colossi tech statunitensi e alza il tono della disputa commerciale strisciante tra Stati Uniti ed Europa.

"Cominciano a tassare prodotti altrui perciò andiamo e li tassiamo", ha detto Trump prima del vertice Nato. In precedenza Trump aveva detto che non consentirà alla Francia di approfittare delle società USA e che l'Unione Europea tratta gli USA in modo molto ingiusto sul commercio.

Il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha definito inaccettabile la minaccia e ha detto che la tassa francese non discrimina le imprese americane. "In caso di nuove sanzioni americane, l'Unione Europea sarebbe pronta a ritorsioni" ha detto a Radio Classique. La Commissione europea ha detto che i ventotto si muoveranno insieme e che la sede migliore per la soluzione di dispute commerciali è la World Trade Organization.

Gli USA hanno già imposto dazi del 25% su vini e formaggi francesi in risposta a sussidi all'industria aeronautica europea la digital tax francese, pari al 3%, si applica ai ricavi da servizi digitali delle società con più di 25 milioni di euro di ricavi in Francia e 750 milioni di euro in tutto il mondo. Un'indagine dell'ufficio del Rappresentante per il Commercio USA ha stabilito che la tassa è "incoerente con i principi prevalenti della policy fiscale internazionale" ed è "insolitamente onerosa" per le società USA come Google, Facebook, Apple e Amazon”.

Le Maire ha ripetuto che Parigi è pronta a lasciar cadere la digital tax se si troverà un accordo in sede OCSE sulla riforma di un sistema di tassazione vecchio di decenni. "Siamo pronti ad adottare la soluzione OCSE sulla digital tax. Se gli USA fanno lo stesso la questione è chiusa", ha detto il ministro.

Le Maire ha detto che la questione della disputa con gli USA è stata già sollevata in Sede UE e che Parigi "può contare sulla solidarietà europea". Il ministro deve incontrare il nuovo commissario UE al Commercio Phil Hogan per discutere della questione.

Fonte: APCOM