PFW: Issey Miyake, nuvole 3D mosse dal vento

Sono volumi scolpiti dal vento le creazioni di Miyamae per Issey Miyake, lo storico marchio fondato dall'omonimo stilista giapponese (che ne resta il proprietario) all'inizio degli anni Settanta. La moda internazionale va avanti tra alti e bassi mentre Miyake continua il suo percorso di ricerca, fatto di continuità e innovazione.
PFW: Issey Miyake, collezione P/E 2015

Stavolta è di scena una nuova metamorfosi dello "steam stretch", quella pieghettatura del tessuto che al calore del vapore acquista rilievi e volumi affascinanti come un origami. Naturalmente tutto nasce dalle tecniche messe a punto già con il famoso "pleats please" - un must della maison che continua a essere venduto con successo in tutto il mondo - e con pieghettature successive più complesse: ormai siamo al 3D che forma tetraedri e cubetti, con un effetto di nuvola che avvolge elegantemente il corpo.

La prima parte della sfilata è in bianco (e sogneremmo vedere una moderna sposa adottare questi look, abbandonando una volta tanto l'idea del vetusto abito-torta) tra abiti e completi pantalone con copri spalle e cappelli che sembrano zucchero filato.

Poi arrivano i beige, sprazzi di azzurro, rosa, giallo, una stampa a grandi quadri colorati. Il finale è tutto nero come un cielo che si rabbuia per un temporale, senza mai perdere fascino. Sullo sfondo della passerella il musicista Ei Wada della Open Reel Ensemble, suona un organo capace di muovere su e giù tanti palloncini bianchi.

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.

Lusso - Prêt à porter Sfilate
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER