×
1 854
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
Pubblicità
Pubblicato il
10 mar 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

OTB cresce del 6,4% e non cambia i programmi: il focus rimane sulla Cina

Pubblicato il
10 mar 2020

OTB ha chiuso un 2019 particolarmente positivo, registrando crescite per tutti i suoi brand (Diesel, Maison Margiela, Marni, Viktor&Rolf e Amiri), le sue aziende Staff International e Brave Kid e in tutti i canali. Il fatturato totale del gruppo si è attestato a quota 1,53 miliardi di euro, in crescita del +6,4%; il retail, che include solo i negozi fisici, è salito del 9% (arrivando a pesare per il 33% sul giro d’affari totale), il wholesale del +2% e l’e-commerce del +5%.   

Ubaldo Minelli, CEO di OTB

 
L’EBITDA consolidato di gruppo si è attestato a 190 milioni di euro e l’EBIT è positivo per 18 milioni, con una significativa inversione di tendenza rispetto all’esercizio precedente. Il 2019 di OTB ha visto investimenti importanti, come l’acquisizione di una partecipazione del marchio Amiri, l’aumento della partecipazione in Viktor&Rolf (passata dal 51% al 70%), e l’apertura di oltre 70 negozi monomarca nel mondo. 
 
Dal punto di vista geografico, l’area cresciuta maggiormente è il Giappone (primo mercato del gruppo dopo l’Europa, con un 25% del fatturato totale), salito del +13%, seguito dalla Cina, in crescita del +7,2%, mercato su cui l’azienda intende puntare molto nel prossimo futuro, come ha raccontato a FashionNetwork.com il CEO Ubaldo Minelli.

“Rispetto ai nostri competitor, siamo meno presenti sul territorio cinese perché abbiamo iniziato ad approcciarlo più tardi. Nell'area APAC disponiamo oggi di 73 negozi diretti in totale tra i vari marchi, per la maggior parte di Diesel e Marni, di cui 16 aperti nel 2019. Il nostro piano strategico 2019-2021 prevende importanti investimenti nella regione, che riteniamo un mercato con grandi potenzialità; in particolare, per il 2020 abbiamo a budget l’apertura di altri 20 punti vendita”, ci ha spiegato Minelli. “Non abbiamo attuato misure drastiche per il coronavirus: non abbiamo chiuso negozi, a parte gli store presenti nei mall che hanno chiuso per qualche giorno, e non abbiamo cancellato ma solo posticipato alla seconda metà dell’anno gli eventi previsti. Abbiamo ridotto gli orari di lavoro sia nei negozi che negli uffici, utilizzando al meglio gli strumenti di lavoro da remoto come Skype e Wechat; ne stiamo approfittando per organizzare sessioni di training online al personale dei negozi, circa 300 persone. Ovviamente stiamo monitorando la situazione, anche se è molto difficile valutare ora quale potrà essere il suo impatto”.

Maison Margiela Haute Couture PE 2020

 
Analizzando le performance marchio per marchio, Diesel ha ripreso a crescere, registrando un incremento del fatturato del +2,6%, a 870 milioni di euro, anche attraverso l’apertura di 45 nuovi monomarca; l’e-commerce diretto è salito del +24,3% e insieme alle vendite online tramite partner arriva a pesare per oltre l’11% del fatturato totale. Maison Margiela ha, da parte sua, conosciuto una forte progressione del +36%, raggiungendo quota 200 milioni di euro, con una buona accelerazione dei canali retail e online e una crescita esponenziale delle collezioni accessori, che rappresentano il 60% del fatturato.
 
Marni ha portato avanti la propria strategia volta ad attirare una clientela più giovane, già per più del 50% sotto i 35 anni. Le vendite hanno visto un incremento di oltre il +8%, arrivando a 170 milioni di euro, con un comparto accessori al 58%, mentre prosegue lo sviluppo strategico del retail che l’anno scorso ha visto 8 nuove aperture, tra le più importanti quelle del nuovo flagship store di Omotesando a Tokyo e quella di Maximilianstrasse a Monaco di Baviera. Anche Viktor&Rolf ha chiuso l’anno in crescita a circa 200 milioni di euro di valore retail, così come Amiri, il marchio di Los Angeles fondato nel 2014 da Mike Amiri, che ha messo a segno un ottimo +49% arrivando a circa 60 milioni di giro d’affari.

Marni AI 2020-21

 
In salita anche i fatturati di Staff International (+9%, a 410 milioni di euro), con il suo modello di business che vede da una parte la produzione e distribuzione di marchi in licenza (Dsquared, Just Cavalli e la recente entrata Koché) e dall’altra la sola licenza produttiva per i marchi del gruppo Maison Margiela, Marni e per gli accessori di Diesel. Infine, Brave Kid, la società del gruppo specializzata nello sviluppo, produzione e distribuzione di marchi di abbigliamento e accessori per bambino, ha visto il giro d’affari aumentare del +6,4%, a 47 milioni di euro.
 
“Per i prossimi mesi, continueremo a rimanere concentrati sullo sviluppo del business dei nostri brand e delle nostre aziende, con particolare focus su Cina e Asia Pacific”, ha concluso Minelli. “Inoltre, stiamo investendo molto sull’omnichannel, per una completa integrazione dei canali di vendita, partendo da Diesel per poi proseguire con gli altri marchi”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.