Onward Luxury Group sigla un accordo di licenza con Samuele Failli

Onward Luxury Group (OLG) si associa ad un nuovo nome emergente del Made in Italy, il designer di calzature Samuele Failli. La filiale europea del giapponese Onward ha finalizzato un contratto di licenza per la produzione e la distribuzione delle collezioni di scarpe femminili di alta gamma del creatore, un accordo che gli permetterà di accelerare il suo sviluppo.

Samuele Failli - DR

L’accordo è valido per 5 anni rinnovabili ed è ancorato alla possibilità di sviluppare altre categorie di prodotti, come le borse, che dovebbero essere svelate la prossima stagione. Una partnership destinata ad evolversi con la possibile acquisizione di una partecipazione di OLG nel capitale del marchio.
 
“Sono molto felice, perché ciò mi permetterà di concentrarmi maggiormente sulla creazione. Non dovrò più occuparmi di distribuzione o produzione, eccetto i prototipi, che continuerò a seguire da vicino”, precisa Samuele Failli a FashionNetwork.com. Lo stilista è associato nella sua attività al produttore Exclusive, rinomato specialista delle calzature con sede a Castelfranco di Sopra, a sud di Firenze, che realizza soprattutto prodotti d’alta gamma dagli anni '60, con il quale collabora e che è anche fornitore del gruppo OLG. È con i tre proprietari di questa azienda che il designer ha creato la sua società, la Esseffe srl, di cui detiene il 70% delle quote.
 
Questo accordo di licenza andrà anche ad accrescere la visibilità del designer quarantunenne, che ha raddoppiato il numero dei suoi rivenditori, passando da 30 a 60 clienti, da quando OLG ha cominciato a distribuire la sua collezione per la Primavera-Estate 2019. In precedenza gestito da uno showroom milanese, Samuele Failli potrà adesso avvantaggiarsi dell’utilizzo dei quattro showroom di Onward a Milano, Parigi, New York e Tokyo.
 
Samuele Failli è da sempre appassionato di scarpe, alle quali si dedica da quasi 20 anni. Dopo aver lavorato a lungo per le grandi maison, compie il grande salto nel 2016, presentando la sua prima collezione in proprio per l’Autunno-Inverno 2017/18, posizionandosi nel lusso sullo stesso segmento dei nuovi specialisti del settore come Gianvito Rossi o Aquazzura. “Per questa prima collezione puntavo alle 500 paia, ma ne ho vendute 2.000”, ricorda con soddisfazione.

Un modello della nuova collezione per la prossima estate - Samuele Failli

La sua esperienza si riflette immediatamente nel comfort che è in grado di offrire alle sue calzature con tacchi vertiginosi. Al di là dell’indossabilità, le sue scarpe super femminili sono apprezzate per la loro originalità, perché ognuna mostra un dettaglio che fa la differenza, ma anche perché stilisticamente sono senza tempo. “Per me, la calzatura deve essere meravigliosa, anche come oggetto. Quando una donna indossa le mie calzature, deve sentirsi super bella, con un effetto Wow!”, puntualizza.
 
Eppure nulla stava destinando lo stilista toscano al mondo delle scarpe, visto che ha debuttato con i gioielli, a seguito della sua formazione presso la sezione orafa dell’Istituto d’Arte di Arezzo. Subito dopo ha lavorato per tre anni per il gioielliere locale Treemme.
 
“Mia madre era una sarta, ma io ho sempre adorato le calzature. Le espongo perfino nella mia biblioteca. Ne vado matto! A 23 anni, ho dunque finito per abbandonare i gioielli andando a studiare a Londra al Central Saint Martins College. È stata un’esperienza fantastica. È là che ho imparato il metodo, un’altra maniera di pensare, più autonoma. In quella scuola impari a gestire te stesso come una piccola impresa. E questo mi ha cambiato la vita”, ci confida.
 
Una volta diplomato, Samuele Failli trascorre un anno da Tom Ford, poi un altro da Jimmy Choo, prima di essere richiamato in Italia da Prada, dove va a lavorare per 7 anni sul prodotto negli stabilimenti del gruppo in Toscana, apprendendovi i trucchi del mestiere. “Ho fatto tutto tranne Church! Da Miu Miu, uomo e donna, a Prada donna e Azzedine Alaïa. Tacchi, tagli, forme, suole, modellismo, ho imparato tutto. È stata la mia vera scuola”, racconta.

Un altro modello per l'estate 2019 - Samuele Failli

Ma Failli finisce per cedere nuovamente alle sirene di Londra, tornando da Tom Ford nel 2011. La collaborazione termina dopo un anno, con il designer che si trasferisce a Parigi da Yves Saint Laurent, che lascia anche in questo caso dopo solo un anno, quando arriva Hedi Slimane.
 
È in quel momento che approda da Azzedine Alaïa, lavorando per la firma parigina fino alla scomparsa del couturier nel novembre 2017. È stato proprio quest'ultimo a incoraggiare Samuele Failli a lanciarsi nella mischia da solo. Sempre molto attivo, il designer lavora anche, da novembre 2016, per Valentino come Design Director delle calzature femminili e maschili e l’alta moda.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - ScarpeLusso - ScarpeDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER