Occhialeria italiana da record sui mercati internazionali

Nei dati pubblicati da ANFAO (Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici) e ripresi da "Fiera Milano News", il totale delle aziende del settore dell'occhialeria è rimasto pressoché costante (868), in quanto a fronte di alcune chiusure ci sono state altrettante nuove aziende che si sono affacciate sul mercato.

Foto: Fiera Milano News

Elemento importante e di ritrovata fiducia è il recupero dell’occupazione: sono 16.195 gli addetti a fine 2014 (+2,3% rispetto al 2013). A questo proposito va segnalato il fenomeno del “reshoring” o “back to Italy”: alcuni gruppi e alcune aziende stanno attuando il rientro della produzione nel nostro Paese anche nel settore dell’occhialeria.

Le esportazioni, di montature, occhiali da sole e lenti, che assorbono oltre il 90% della produzione del settore, sono cresciute del 11,8% rispetto al 2013 raggiungendo il valore di 3.110 milioni di euro (massimo storico).  L’export degli occhiali da sole nel 2014 ha fatto segnare una variazione tendenziale del 11,7% attestandosi a circa 2.069 milioni di euro, quello delle montature ha registrato, invece, una crescita del +12%, arrivando a 974 milioni di euro circa.

Positivo anche l’andamento delle importazioni, cresciute a livello tendenziale del 13%, per un valore di poco superiore ai 1.000 milioni di euro. La bilancia commerciale dell’occhialeria italiana quindi continua ad essere largamente in attivo (2.109 milioni di euro il saldo export-import nel 2014), in aumento di oltre 11 punti percentuali rispetto al 2013.

Il 2014 è stato però l’anno del nuovo record delle esportazioni. Gli Stati Uniti e l’Europa si sono confermati in piena ripresa per il secondo anno consecutivo. In particolare l’Europa, che arrivava da un 2013 positivo solo in alcuni paesi, ritorna ad essere un’area in crescita complessiva per le esportazioni del settore, con alcuni recuperi importanti (Spagna +8,2%, Portogallo 13,1%, Grecia +15%).

Restano poi sempre positivi i risultati fatti segnare dalle esportazioni italiane dell’occhialeria nei mercati emergenti, sia in quelli già affermati per il settore, sia in quelli più “nuovi”. Grandi novità anche dai Paesi nordici (Svezia, Norvegia e Finlandia) che in blocco costituiscono un’area interessante dove le esportazioni del settore hanno messo a segno ottimi risultati (2% delle esportazioni in valore del comparto).

Considerando le esportazioni mondiali di occhiali da sole e montature, che nel 2014 sono stimate intorno ai 13.900 milioni di euro, la quota di mercato in valore riferibile all’Italia è intorno al 23%, dietro alla Cina. Complessivamente l’occhialeria italiana ha esportato nel 2014 circa 94 milioni di paia di occhiali (+2% rispetto al 2013), di cui 61 milioni per occhiali da sole (circa il 66%) e 33 milioni per montature da vista (il 34%).

Nel 2014 a livello di mercato interno non ci sono segnali di ripresa evidenti. Sia i dati di sell-in rilevati da ANFAO, che quelli di sell-out rilevati da GfK (Gesellschaft für Konsumforschung) evidenziano una situazione decisamente pesante sebbene migliore rispetto a quella di altri settori. Il trend è rimasto negativo in generale (-3% in valore il sell-in sia degli occhiali da sole che delle montature).

Sembrano recuperare le lenti oftalmiche, grazie anche alla loro particolare funzione di dispositivo medico che non consente di procrastinare gli acquisti all’infinito. Preoccupa invece la ripartizione di questi risultati all’interno del trade, che vede un recupero della performance nelle catene in franchising (legato in primo luogo ai prodotti private label e alle spiccate campagne promozionali attuate), ma un netto peggioramento per i negozi indipendenti, che rappresentano ancora oltre il 50% della distribuzione del comparto.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

OcchialiBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER