×
1 432
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
3 set 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

NY: gli stilisti contro il circo dei vip, dimezzati gli inviti

Di
Ansa
Pubblicato il
3 set 2013

Basta con il circo delle celebrità in prima fila alle sfilate. Via Tyra Banks, Kelly Osbourne, Kanye West e soprattutto Kim Kardashian dal parterre della New York Fashion Week. Oscar de la Renta, il decano della moda newyorkese, ha dato l'esempio dimezzando la lista degli invitati al suo show per la prossima primavera-estate.

Foto Ansa


Lo stilista che ha vestito anche Jackie Onassis, uno dei più stimati e rispettati dell'industria della moda americana, ha osservato che i veri addetti ai lavori ''non devono battagliare passando attraverso 30 mila persone e 10 mila che cercano di fotografare tutte quelle persone che non hanno niente a che fare con i vestiti che mandiamo in passerella''.

L'appello per un approccio più sobrio ha toccato un nervo scoperto alla vigilia dell'inaugurazione di Fashion Week che dal 5 al 12 settembre porterà a New York migliaia di giornalisti e buyer per passare al microscopio le ultimissime creazioni di de la Renta, Ralph Lauren, Calvin Klein, Donna Karan e una novantina di altri designer più o meno noti.

E' la prima tappa di una kermesse che da New York porterà a Londra, Milano e Parigi e sul New York Times la celebre giornalista di moda Suzy Menkes ha descritto un sistema ''che sta uscendo completamente dal controllo'' con stilisti a cui viene chiesto di sfornare fino a dieci collezioni all'anno. La Menkes in un altro articolo si era lamentata di come a volte sia difficile per giornalisti e buyer entrare a un sfilata ''perché tutti i fotografi bloccano la strada fotografando persone che vogliono essere fotografate''.

Secondo la Menkes ''c'è una differenza tra essere stylish e esibizionista, e questo è il dilemma: se la moda è per tutti, è davvero moda?''. Un'industria notoriamente capricciosa è stata rivoluzionata dalla tecnologia dei social media: il giudizio di pochi addetti ai lavori che solo pochi anni orsono faceva il bello e il cattivo tempo deve ora fare i conti con la rapidità con cui immagini di nuovi stili e tendenze vengono diffuse e replicate nello spazio di secondi su Instagram e Facebook.

De la Renta, che la scorsa stagione aveva alimentato il circo chiamando a collaborare John Galliano per la sua collezione autunno-inverno, ha lanciato la controffensiva: ''Se uno show è veramente caotico a livelli circensi la gente che conta sul serio non sarà messa nell'umore migliore: volete mettere in pericolo l'esperienza dei cento che decidono con 500 che non contano niente?''.

Alcuni stilisti come John Ford già lo fanno: mostrano le loro creazioni a una platea di pochi eletti. Ma con la fame di un'audience globale abituata a immagini in tempo reale quella dell'ex designer di Gucci potrebbe non essere la risposta. Gli affari sono affari e senza ordinazioni le passerelle cesserebbero di esistere.

Copyright © 2023 ANSA. All rights reserved.