×
1 507
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
24 apr 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nozze sospese, un business da 40 miliardi

Di
Ansa
Pubblicato il
24 apr 2020

I matrimoni programmati da qui a dicembre si faranno, oppure saranno vietati per assembramento? E le spose che avevano fissato la data delle nozze per i prossimi mesi devono mettere in conto di andare all'altare eventualmente con la mascherina, che rimarrà per sempre negli album come ricordo dell'incubo del contagio da Coronavirus? Il tema è serio visto che il giro dei matrimoni in Italia è un business di circa 40 miliardi di euro l'anno, tra abiti, arredi, bomboniere, addobbi floreali, parrucchieri, truccatori, fotografi, auto a noleggio, eccetera.


Intanto si apprende che la fiera per le spose a Milano è stata prudentemente rimandata a settembre, ma tra i singoli addetti ai lavori, in molti si chiedono cosa fare da qui a sei mesi per non chiudere l'attività. Come lo stilista napoletano Gianni Molaro che "a partire dal mese di aprile fino a dicembre, aveva 200 matrimoni su cui lavorare per gli abiti, tutti ora drammaticamente in sospeso". "Fino a fine anno”, spiega Molaro, “avevo in programma di realizzare gli abiti da sposa e da cerimonia di circa 200 matrimoni. Con il Coronavirus sono saltate le nozze di aprile e di maggio. Ma le spose che avevano programmato i matrimoni per giugno, luglio e agosto sono ancora nel limbo. Non sanno cosa fare. Possibile che con un settore vitale per l'economia come quello dei matrimoni, finora non sono stati fatti provvedimenti da parte del Governo?".

"Il governo sta progettando la ripartenza di alcune produzioni”, incalza Molaro, “ma dovrebbe anche trovare soluzioni adesso, dare linee guida, per permettere alle coppie di sposarsi anche tra qualche mese". "Io voglio solo ricordare che i mobilifici, nell'anno 2018, hanno fatturato 7,5 miliardi, di cui 4 miliardi in Italia, ma va considerato che il 90% dell'arredamento viene acquistato da future coppie di sposi. Sempre nel 2018”, prosegue, “i fiorai italiani hanno fatturato 5 miliardi, provenienti per la maggior parte dai 196mila matrimoni celebrati. Ma non solo, i matrimoni da sempre rappresentano un indotto a cui collaborano numerose altre maestranze. Esistono 700 aziende italiane, tra piccole e medie, che producono bomboniere, con circa 6.000 punti vendita sparsi su tutto il territorio nazionale, con un fatturato di circa 800 milioni di euro, con un'occupazione a circa 30mila persone. Mentre i fotografi fatturano, ogni anno, circa 400 milioni di euro, unicamente grazie al settore wedding".

"Attorno ai fiori d'arancio, in Italia, girano decine e decine di miliardi di euro e centinaia di lavoratori. Basti pensare all'edilizia con idraulici, elettricisti, fabbri, falegnami, imbianchini, e l'intera filiera di produzione delle materie prime. E i viaggi di nozze?”, chiede lo stilista, “sono bloccati ma si potrebbero veicolare, in buona parte, nel nostro Paese. E potremmo aiutare il settore turistico per quest'anno". "O ancora, vogliamo parlare del comparto gioielleria?”, continua lo stilista, “ci sono poi estetisti e parrucchieri, che fatturano in gran parte per i matrimoni. Aggiungo infine tutti coloro che si occupano di noleggio autovetture, stampa delle partecipazioni, musica per l'intrattenimento, società di animazione, e infine, ma non ultimo, il mondo della moda cerimonia, che in Italia ha svariati miliardi di fatturato. Poi ci siamo noi, produttori di abiti da sposa e cerimonia”, conclude Molaro, “che al Governo chiediamo solo direttive certe per coloro che sono in procinto di sposarsi e per tutti gli operatori del comparto".

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.