×
1 361
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
International Business Development (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
CONFIDENTIAL
E-Commerce-Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
NUOVA TESI
Responsbaile Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MODENA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
Di
Adnkronos
Pubblicato il
21 mag 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Non solo oro e gioielli, le donne ora danno in pegno abiti e accessori griffati

Di
Adnkronos
Pubblicato il
21 mag 2012

Non più solo oro e gioielli. In tempi di crisi aumenta chi dà in pegno borse, abiti e accessori griffati pur di racimolare qualche soldo. Un piccolo business che, secondo una ricerca della National Pawnbrokers Association, lo scorso anno ha visto un incremento del 15%.



Borse Hermes o Chanel, tacchi di Christian Louboutin, vestiti di Armani o Valentino, sono solo alcuni dei capi da cui le donne, spesso a malincuore, si separano per sostenere spese impreviste o più semplicemente arrivare alla fine del mese. In Inghilterra il fenomeno è in espansione e anche online si possono trovare siti che offrono prestiti per abiti e accessori firmati.

Il direttore di pawnbrokeronline.co.uk ad esempio, spiega che "spesso le donne scoprono nei armadi beni ben più preziosi dei gioielli. Una volta - racconta - una cliente che aveva urgente bisogno di un intervento ai denti diede in pegno cinque paia di scarpe Chanel, tutte in ancora nella scatola e con le ricevute originali. Un altra impegnò invece la sua collezione di borse Versace, Chanel e Louis Vuitton per affrontare le spese del trasloco".






Da Oltremanica all'Italia il passo è breve. Le difficoltà economiche degli abitanti del Bel Paese sono infatti sempre maggiori ed è facile che presto anche qui qualche fashion victim sarà costretta a dar fondo al proprio guardaroba.






Al momento tuttavia, i banchi di pegno italiani continuano ad accettare solo gioielli, orologi e pellicce. "Quello della moda è un settore molto labile, tutti gli articoli hanno una durata anche quando sono degli 'evergreen'", dice a Ign, testa online del gruppo Adnkronos, un impiegato del Monte di Pietà di Roma. In pratica un banco dei pegni deve avere la certezza che se un prestito non viene rimborsato, può vendere il prodotto e recuperare il denaro.






Una cosa che negli ultime tempi avviene sempre più spesso. "Abbiamo notato un incremento delle richieste di vendita del bene", continua l'impiegato spiegando che "la gente non riscatta più l'oggetto dato in pegno, ma chiede che venga messo all'asta per poter prendere la differenza del prezzo di vendita che torna tutto nella disponibilità del cliente. Se, ad esempio, un orologio per il quale abbiamo erogato un prestito di 100 euro viene venduto all'asta a 500, il proprietario riceverà l'intera somma meno il prestito e gli interessi".

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.