×
1 568
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Nike perde ancora la causa contro Skechers per il marchio Converse Chuck Taylor

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 21 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nella disputa legale che l’oppone a Nike, Skechers ha vinto una nuova battaglia. Un giudice si è pronunciato a favore della società californiana in un caso di contraffazione relativo all'intersuola dei modelli del marchio Converse, di proprietà di Nike.

Si tratta della terza vittoria in giudizio per Skechers in questo caso che risale al 2014 - Instagram @skechers


Secondo un comunicato dello scorso giovedì, Charles E. Bullock, giudice anziano di diritto amministrativo presso la International Trade Commission degli Stati Uniti (ITC), ha determinato che il marchio commerciale relativo all'intersuola del modello Chuck Taylor di Converse non è stato violato dai modelli Twinkle Toes e Bobs di Skechers, né da qualsiasi altro prodotto citato nella denuncia di Nike.
 
Il giudice Bullock ha inoltre stabilito che la protezione di questo segno distintivo non si applica a Skechers, che ha proposto il suo modello prima del 2001, anno nel quale Nike ha brevettato la suola oggetto del contendere.

Il caso che oppone Nike e Skechers risale al 2014. Oltre ai modelli Twinkle Toes e Bobs, sono incriminate anche le calzature Daddy'$ Money e Hydee Hy-top.
 
Si tratta della terza vittoria di Skechers in questa controversia, dopo quelle di novembre 2015 e di giugno 2016.
 
Dopo la precedente decisione dell'ITC — che aveva concluso che i diritti rivendicati da Converse sull'intersuola del modello Chuck Taylor non erano validi e che, anche se fossero stati convalidati, né il modello Twinkle Toes né il Bobs li avrebbero violati — Converse si era appellato alla Corte d'Appello del Circuito Federale degli Stati Uniti, che a sua volta aveva rinviato la questione all'ITC nell'ottobre del 2018.
 
“Siamo soddisfatti della decisione del giudice Bullock, il quale ha riconosciuto che Skechers utilizzava questo tipo di suole molto prima che Converse acquisisse qualsiasi diritto di marchio su di esse”, ha dichiarato il presidente di Skechers, Michael Greenberg, in un comunicato. “Numerose sentenze hanno più volte riconosciuto che i modelli Twinkle Toes e Bobs di Skechers sono chiaramente diversi dal modello Chuck Taylor: è improbabile che i consumatori possano un giorno confondere i prodotti Twinkle Toes o Bobs con il modello di Converse”.
 
I due rivali statunitensi non sono alla prima disputa legale: recentemente, Nike ha presentato un'altra denuncia contro Skechers, accusandolo di aver copiato diversi elementi delle sue scarpe VaporMax e Air Max 270, e persino di aver deliberatamente adottato una “strategia di copiatura”, definita “skecherizing”, ovvero “skecherizzazione”, per adattare ai propri prodotti i design dei suoi competitor diretti.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.