×
1 384
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
2 ott 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nike colpita dai problemi logistici, che gonfiano costi e stock

Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
2 ott 2022

Il colosso americano degli articoli sportivi Nike ha registrato risultati trimestrali migliori del previsto, ma i suoi margini sono stati erosi dai costi logistici, dalle operazioni promozionali volte a ridurre gli stock e dagli effetti di cambio.


Nike


Il giro d’affari della società è cresciuto del 4% tra giugno ed agosto, periodo corrispondente al suo primo trimestre fiscale, arrivando a 12,7 miliardi di dollari, più dei 12,27 miliardi previsti. Non tenendo conto degli effetti valutari, le vendite sarebbero aumentate del 10%. L'utile netto del gruppo, però, è sceso del 22% a 1,5 miliardi di dollari.
 
L’utile per azione si è attestato a 93 cent, poco al di sopra dei 92 cent previsti dagli analisti, ma le azioni sono scese del 5% negli scambi elettronici subito dopo la pubblicazione di questi risultati.

Il margine lordo del gruppo è diminuito, soprattutto a causa di "spese di trasporto e logistica elevate" e tassi di cambio nel complesso sfavorevoli, spiega Nike. La società ha anche dovuto ridurre i prezzi di alcuni prodotti venduti direttamente nei propri negozi o online in Nord America, per cercare di diminuire le scorte.
 
Nike ha infatti visto le sue scorte aumentare del 44% rispetto allo stesso periodo del 2021. La domanda per i suoi prodotti rimane "solida", afferma il gruppo, ma le spedizioni tardano ad arrivare a causa delle continue difficoltà nella catena di approvvigionamento.
 
Nel contempo, l'azienda ha visto aumentare del 10% le spese di marketing e amministrative, in particolare a causa di aumenti delle spese salariali e di investimenti strategici in tecnologie.
 
A fronte a questi annunci, il gruppo americano ha visto la sua azione perdere quasi l'11,5% alle 18:00 di venerdì 30 settembre,

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.