×
1 226
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
VICTORIA’S SECRET
Area Manager Victoria's Secret
Tempo Indeterminato · BERGAMO
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
L'AUTRE CHOSE
Addetto al Reporting e Controllo di Gestione
Tempo Indeterminato · PORTO SANT'ELPIDIO
VALENTINO
Digital Media Planning & Buying Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
ALEXANDER MCQUEEN ITALIA S.R.L.
Alexander Mcqueen Stock Controller
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità

Nicolas Ghesquière si dissocia da Louis Vuitton pro-Trump

Di
Ansa
Pubblicato il
today 22 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nicolas Ghesquière, il direttore artistico delle collezioni donna di Louis Vuitton, prende le distanze dalla nuova alleanza tra il marchio LV e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. "Contro ogni azione politica. Sono uno stilista di moda che rifiuta questa associazione", seguito dagli hashtag #trumpisajoke#homophobia, ha scritto su Instagram il designer che veste anche Brigitte Macron, la moglie del presidente francese Emmanuel Macron.

Nicolas Ghesquière - Instagram


Tutto nasce dalla partecipazione di Trump, la settimana scorsa in Texas, all'inaugurazione di un nuovo impianto Louis Vuitton. Con il capo della Casa Bianca e la figlia Ivanka, c'era Bernard Arnault, il CEO del gruppo LVMH, di cui Ghesquière è uno dei gioielli della corona. Uno degli uomini più ricchi del mondo e il più ricco di Francia, Arnault, si era affrettato a definire apolitica la presenza del presidente repubblicano ma per molti, Ghesquiere incluso, l'associazione del marchio con il capo della Casa bianca è sembrata quanto meno un atto di complicità. Ed è così che nel corso del weekend lo stilista, che è apertamente gay, ha postato su Instagram la copertina del single di Evelyn Thomas del 1984, High Energy, incluso nella compilation dell'album Gay Classics, Volume 1: Ridin' the Rainbow. Sotto, il messaggio anti-Trump, applaudito nell'arco di poche ore da vip della moda tra cui Camille Miceli (direttrice creativa della linea accessori Louis Vuitton), Ronnie Cooke Newhouse (moglie del presidente di Condé Nast, Jonathan Newhouse), la costumista Arianne Phillips e i designer Giambattista Valli e Julien Dossena (di Paco Rabanne). 

Nicolas Ghesquière non ha diretta responsabilità sulla fabbrica in Texas da cui escono gli stili di borse più classici (con la 'L' e la 'V' intrecciati e all'interno l'etichetta Made in USA) alla base del successo internazionale del marchio e spesso taroccate.

È stato comunque un gesto radicale per uno degli stilisti più famosi del mondo criticare il suo datore di lavoro per un evento così di alto profilo. Louis Vuitton, LVMH e Ghesquière stesso non hanno immediatamente commentato la diatriba che ha segnato uno dei rari momenti di discordia all'interno del gruppo. Arnault all'inizio del 2017 è stato uno dei primi a far visita al presidente-eletto alla Trump Tower prima dell'insediamento. All'epoca aveva annunciato i piani dell'impianto in Texas, il terzo di Louis Vuitton negli USA dopo i primi due in California, col potenziale di mille nuovi posti di lavoro nell'arco di cinque anni.

Copyright © 2020 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altro
Lusso
media