×
1 539
Fashion Jobs
ANONIMA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · AREZZO
RETAIL SEARCH SRL
Business Analyst Omnicanale/Mondo Lusso
Tempo Indeterminato · COMO
CONFIDENTIAL
District Manager Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CAMICISSIMA
Magento Specialist 2.4
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Real Estate Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci- Corporate Image Department Director
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager East Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 lug 2021
Tempo di lettura
7 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nicky Zimmermann racconta: la Resort 2022, l’opening a Forte dei Marmi, il farcela partendo dall’Australia

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 lug 2021

L'Australia, un paese noto per aver sempre lottato ad armi pari con i più grandi realizzando performance spesso superiori alle sue potenzialità di base nello sport, nella letteratura, nel cinema, nei mass media, nei vini e nella ricerca della felicità, ha invece avuto la tendenza a sottoperformare nell’ambito della moda.

Nicky e Simone Zimmermann - Zimmermann


Si possono contare sulle dita di una mano i nomi degli stilisti australiani che le persone informate possono nominare alle cene a Londra, New York o Parigi. Uno dei tanti motivi per cui il successo del marchio Zimmermann risulti così impressionante e notevole.
 
Fondato 30 anni fa, Zimmermann ha iniziato il proprio percorso come stand di vestiti, un vero e proprio banchetto a Paddington - l'esuberante area festaiola del centro di Sydney - quando un'energica laureata in design, Nicky Zimmermann, ha iniziato a vendere le sue creazioni nei mercati durante i fine settimana.

Oggi Zimmermann vanta flagship store a Londra, New York, Beverly Hills e Parigi, un enorme seguito nei grandi magazzini mondiali, e un'ampia scelta di prodotti su Net-à-Porter e MatchesFashion.
 
Ma, cosa ancora più importante, Nicky Zimmermann ha creato un'estetica che si distingue dalle altre: una miscela chic dell'esuberanza Lucky Country della sua terra natale, di stampe splendidamente allegre e un bellissimo e originale beachwear, pur mantenendo qualcosa dell'estetica cool bohémien dei primi giorni a Paddington. Le sfilate di Zimmermann erano diventate eventi imperdibili nel calendario della New York Fashion Week fino a quando la pandemia non ha sconvolto il nostro mondo. E, significativamente, quasi tutto il pubblico ai suoi show sembrava indossare capi Zimmermann, una prova del nove per un designer, ovvero la dimostrazione di sapersi connettere con i gusti della gente.
 
Viaggiatrice instancabile, Nicky non ha lasciato l'Australia da quando vi è tornata nel marzo 2020, quando il lockdown globale ha preso piede. Ma il marchio è stato comunque impegnato, girando esuberanti video-défilé e aprendo nuove boutique – negozi satellite a Cannes e Forte dei Marmi. In tutto, Zimmermann vanta 42 negozi in tutto il mondo.
 
Come tutti gli altri suoi negozi, quello di Cannes è stato disegnato da Don McQualter; i suoi 125 metri quadrati sono rifiniti in calce organica in rue des États Unis 11. Lo store è dotato di una collezione di opere d'arte di collage e schizzi osé, tra cui un disegno a inchiostro del 1974 dell'artista pop di Sydney Richard Larter, famoso per i dipinti di nudo di sua moglie Pat, e pezzi di Naata Nungurrayi e Gaetano Pesce.
 
La casa ha anche presentato la sua ultima cruise collection, chiamata “The Postcard”, che presenta abiti a balze, gonne ampie e camicette voluminose che incorporano le opere d'arte di James Northfield, creatore di molti iconici poster di viaggio australiani degli anni '30, '40 e '50.
 
Tre decenni dopo la sua fondazione, il marchio è ancora gestito come un’azienda familiare, anche se il veicolo di investimento italiano Style Capital ne ha acquisito una quota del 70% alla fine del 2020. La sorella Simone è il direttore operativo dell'azienda, mentre il marito di Nicky, Chris Oliver, è l'amministratore delegato. La casa non comunica cifre annuali, anche se si vociferava lo scorso anno che la sua valutazione fosse vicina ai 250 milioni di dollari.
 
FashionNetwork.com ha dunque incontrato Nicky, mamma iper energica di due adolescenti, in uno zoom mattutino dalla Francia, mentre il sole stava tramontando dietro di lei nel porto di Sydney.
  
FashionNetwork.com: Perché un negozio a Cannes? E perché adesso?
Nicky Zimmermann: La prima volta che ho visto il nostro negozio di Parigi è stata per me una delle cose più eccitanti di sempre: uno store e una posizione così belli. Essere un brand australiano che apre a Parigi è un sogno. Ma, che sia a Parigi, New York o Sydney o in luoghi di vacanza, alla nostra ragazza piace viaggiare, proprio come piace a noi. Quindi, ci piace avere negozi in città e poi aprire boutique satellite come negli Hamptons. Da decenni vendiamo all'ingrosso a negozi multimarca e rivenditori online, quindi abbiamo una fantastica comprensione di dove viva la nostra cliente, cosa compri e dove. Questo ti dà una grande visione ovunque tu apra. La donna Zimmermann viaggia in posti come St Tropez, Cannes e Forte dei Marmi, e allora noi apriamo in quei luoghi.
 
FN: Realizzate negozi site specific, come a Forte dei Marmi, ad esempio?
NZ: Il nostro designer di negozi, John McQualter, ha realizzato tutti i nostri punti vendita. È un grande amico e ovviamente ne amiamo il lavoro. L'idea principale di John è come immergersi in un ambiente in un modo leggermente più infoemale. Quindi a Forte dei Marmi abbiamo lavorato con un ceramista locale per aggiungere un aspetto locale e vi abbiamo portato cose che amiamo dall'Australia: dipinti e sculture.
 
Ma, ovviamente, è davvero importante che abbiano un'atmosfera più rilassata, come a Cannes. I nostri negozi devono essere molto accoglienti e confortevoli. Dovrebbe esserci una sensazione di relax e una stanza per famiglie e bambini.
 
Siamo partiti proprio dal retail. A Paddington, una zona di night club, con strip club e bar, quando ero una studentessa di design a Darlinghurst alla fine degli anni '80. Era un'area di grande creatività e divertimento; e quei primi giorni sono ancora nella mia mente. Guidare un furgone e allestire lo stand. Sono ancora in grado di allestire un banchetto; sono molto pratica e brava nei lavori manuali. Entro due anni dall'inizio avevamo già aperto dei negozi fisici e ho adorato quel tipo di connessione con i nostri clienti.

Collezione "The Postcard", Resort 2022 - Zimmermann


FN: Qual è stata l’ispirazione per la vostra ultima collezione resort?
NZ: Volevo davvero una collezione che parlasse dei bei ricordi delle fantastiche vacanze della mia infanzia, che erano relativamente semplici e facili, ma anche della famiglia. Stavo ripensando agli anni '50 e alle foto dei miei genitori; e a quegli artisti che hanno realizzato foto turistiche per l’Australia. Il lavoro principale di James Northfield era costituito da poster a colori per le vacanze incredibilmente semplici e meravigliosi, con un grande tocco retrò. La migliore vacanza non è sempre la più lussuosa: è più una questione di creare bei ricordi.
  
FN: Per un brand così influenzato dai viaggi, quand'è che ha lasciato l'Australia l'ultima volta?
NZ: Non l’ho più lasciata da quando sono tornata a casa dal Regno Unito nel marzo 2020, con mio marito Chris, il nostro CEO. Dovevamo andare a Milano e poi abbiamo dovuto interrompere il viaggio quando è stato proclamato il lockdown globale. In 20 anni non sono stata in Australia per più di due mesi consecutivi. Amiamo viaggiare! Voliamo sempre via ogni inverno.
 
FN: Qual è il DNA di Zimmermann?
NZ: Amo creare cose che facciano sentire bene le persone durante le funzioni familiari, i matrimoni, le celebrazioni o i battesimi. Si tratta di creare ricordi. 
 
FN: Perché è così ossessionata dalla guipure, che è un materiale dell’alta moda per eccellenza?
NZ: Amo l'artigianato e sento di poter fare qualsiasi cosa. Ho iniziato sedendomi davanti alla TV da giovanissima e realizzando cose. Quindi, come designer è impossibile per me essere minimale. E il mio team ha la stessa mentalità: realizzare fiori di stoffa e cucire a mano. Ci piace avere un tocco personale. Cose che svolazzano dai vestiti quando le ragazze camminano. Amo il movimento e i tessuti che lo consentono.
 
FN: Dieci anni fa sono andato a uno dei vostri défilé in Australia quando tutte le luci si spensero. Da allora siete cresciuti fino a diventare un marchio molto influente con un business in rapida crescita. Perché pensa che abbiate avuto così tanto successo internazionale mentre gli altri marchi australiani faticano?
NZ: Quello fu il nostro penultimo show in Australia: le luci se ne andarono in tutta la città – appena prima dell'inizio della sfilata! Le ragazze erano già in formazione, ma abbiamo resistito al suggerimento di mandarle fuori con le torce e quando le luci sono tornate tutte accese le cose alla fine hanno funzionato.
 
Penso che ci siano un paio di ragioni per cui le cose sono andate bene per Zimmermann. Ho avuto il vantaggio di lavorare con mia sorella Simone fin dall'inizio. Non vuole essere una stilista. Lei concretizza le cose ed è un direttore delle operazioni straordinario, estremamente organizzata, gestisce le risorse umane e la produzione e fa un lavoro titanico. Il che significa che io non devo farlo, anche perché non sono brava in questo. Lai ama i vestiti, ma non vuole farli, il che crea un equilibrio incredibile, quindi non potrei vivere senza di lei. Ciò succede raramente - e come sorelle abbiamo un legame straordinario. Inoltre, mio marito, un avvocato, si è unito a noi 15 anni fa e ha aggiunto un altro insieme di abilità. Abbiamo investitori esterni, ma gestiamo il marchio come una famiglia, e questo ci ha aiutato a superare problemi che altri hanno subito. Non sto dicendo che gli altri australiani non lavorino duramente, ma io lavoro incredibilmente sodo e ho dovuto essere resiliente. È un business difficile e noi siamo (dobbiamo essere) molto ambiziosi.
 
Anche se l'Australia non è storicamente legata alla moda, ma più a surf e divertimento, e a volte gli australiani faticano a delineare ciò che sono, ora c’è una nuova generazione locale che sta trovando la propria voce. Noi venivamo dalle spiagge del sud – da Cronulla – una città molto legata al surf. Oggi vivo a Vaucluse (il sobborgo più elegante di Sydney, ndr.). Dalle spiagge del sud alle spiagge del porto, quindi è un po' diverso.
 
FN: Quali sono i suoi tre stilisti preferiti?
NZ: Faccio shopping da spiaggia: adoro i vestiti, quindi potrebbe piacermi un capo su misura di YSL e amo il senso di divertimento di Gucci. Ma sarebbe difficile per me comprare un abito.
 
FN: Dove vuole che Zimmermann sia posizionato tra cinque o dieci anni?
NZ: Assolutamente avviato sulla strada che stiamo percorrendo ora. Con molte aperture di negozi, perché mi piace molto avere spazi di vendita al dettaglio. Sì, il nostro business online sta crescendo enormemente, ma avere negozi in posti fantastici, come in Spagna o in Cina, per me è incredibile.
 
FN: Potreste un giorno sfilare a Parigi?
NZ: Ci piacerebbe, ma mi sentirei piuttosto intimidita venendo a sfilare a Parigi, anche se è una delle mie città preferite al mondo. Ma non si può mare dire mai su nulla!

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.