×
1 532
Fashion Jobs
BURBERRY
Business Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Product Manager Assistant Rtw
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Woman Leathergoods Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · DUBAI
CHABERTON PROFESSIONALS
International Business Development Manager - Luxury Accessories
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Responsabile Contabilità Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
Functional IT Support Analyst - Supply Chain
Tempo Indeterminato · TORINO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Client Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Global Lifestyle & Customer Journey Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Vendite Italia - Accessori Industria Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Merchandise Planner Retail
Tempo Indeterminato · ROMA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Events Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Stock Operations _ Luxury Boutique _ Padova
Tempo Indeterminato · PADOVA
STELLA MCCARTNEY
Customer Service Representative (Sostituzione Maternità) / Anche Art.1 l. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Tecnico Qualità Industrializzazione Rtw
Tempo Indeterminato · NOVARA
247 SHOWROOM
Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Client Experience And Partnership Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Brand Manager Eyewear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
11 set 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nicholas Kirkwood e LVMH si separano

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
11 set 2020

Dopo sette anni di partneship, LVMH si separa dal marchio di calzature di lusso Nicholas Kirkwood. Il designer riprende il controllo del suo brand, ultimo in ordine di tempo di una serie di piccole griffe del lusso che hanno perso il supporto finanziario di un grande gruppo, ora che il boom del settore è passato. Il “divorzio” sarebbe consensuale e amichevole.


Nicholas Kirkwood


Nel 2018, ad esempio, anche Kering aveva ritirato la sua partecipazione in Christopher Kane per concentrarsi sui suoi marchi principali.
 
Ma da parte di LVMH, si tratta di una decisione abbastanza sorprendente, soprattutto considerando che l’accordo di acquisizione di Tiffany non è andato a buon fine. In ogni caso, ciò mette in evidenza una tendenza strategica globale dei grandi gruppi, che in questo momento di incertezza preferiscono concentrare le proprie risorse su brand più forti, come Dior, Fendi e Louis Vuitton. Nel corso della sua storia, LVMH si è separato solo da due griffe: Christian Lacroix 15 anni fa e Donna Karan International nel 2016.

Dunque, cosa è successo con Nicholas Kirkwood? Conosciuto per i suoi tacchi con le perle, il marchio non sarebbe mai diventato uno dei grandi nomi del portfolio del gruppo e registrava perdite sempre più ingenti, come dimostrano i bilanci depositati alla Camera di Commercio britannica.
 
Nel 2019, il brand ha realizzato un giro d’affari di 8,1 milioni di sterline (8,76 milioni di euro), contro gli 11,2 milioni dell’anno precedente. Cifre quasi irrisorie, se paragonate ai ricavi stratosferici generati dalle grandi griffe di LVMH. La perdita operativa è salita da 2,4 milioni a 3,3 milioni di sterline e la perdita netta da 2,5 milioni nel 2018 a 3,5 milioni di sterline nel 2019.
 
Laureato alla Central Saint Martins, Kirkwood ha lanciato il suo brand nel 2005 e LVMH ne ha acquisito una partecipazione maggioritaria nel 2013. Da allora la label si è focalizzata sulle vendite online e sulla sostenibilità e ha aperto una boutique in Mount Street a Londra.
 
Ma il lockdown ha probabilmente dato un duro colpo al brand, visto che le calzature sono particolarmente difficili da vendere, anche online, se i clienti in tutto il mondo non possono mettere piede fuori casa.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.