×
1 588
Fashion Jobs
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 set 2021
Tempo di lettura
5 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

New York Fashion Week: Proenza Schouler, Moschino, Carolina Herrera e Michael Kors

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 set 2021

Forse la pandemia è ancora lontana dal concludersi, ma intanto questa settimana ci sono le sfilate sulle passerelle di New York!

Proenza Schouler - Primavera-Estate 2022 - Womenswear - New York - Photo: Proenza Schouler


Super solari nell'umore e nell'atteggiamento, gli stilisti sembrano desiderare un ritorno alla normalità, anche se la nuova normalità si palesa con un nervoso senso di evasione e un accresciuto desiderio di poter fare dei weekend lunghi e dedicarsi alla vita in campagna.
 
Abbiamo dato un’occhiata a quattro collezioni chiave della Primavera/Estate 2022 in sfilate sparse per la città - Proenza Schouler, Moschino, Carolina Herrera e Michael Kors. Finalmente, infatti, le principali aziende di moda e gli stilisti più influenti sono tornati in forze a sfilare in passerella, nella sei giorni americana di défilé che si conclude domenica.

Proenza Schouler: damigelle del centro sulla spiaggia
 
Damigelle, ma decisamente non in difficoltà, da Proenza Schouler, ancora un marchio di primo piano quando si tratta di interpretare il futuro della moda americana.
 
Il suo show di mercoledì sera è stato messo in scena davanti al tipico scenario acquatico con staccionata in legno che si trova sulle spiagge atlantiche del Nord America. Il che, considerando che così tante donne professioniste di New York ora lavorano essenzialmente quattro giorni alla settimana, iniziando i weekend negli Hamptons quasi tutti i giovedì sera, sembrava davvero appropriato.
 
Detto questo, la collezione concepita dai designer Jack McCollough e Lazaro Hernandez per la Primavera/Estate 2022 era molto urban.
 
La sfilata è stata ricolma di capi sartoriali potenti, dalla sahariana con spalla inclinata d’apertura al parka da Superwoman ai trench avvolgenti in pelle di daino senza maniche – uno color ecrù, l'altro cioccolato fondente – fino al meraviglioso cappotto giallo zebrato.
 
Abiti per viaggiare facili in una nuova era, quasi post-professionale, dove le persone possono fuggire dai confini degli uffici e vestirsi in maniera molto più romantica. Come i grandi abiti a scacchi, rifiniti con perline, frange a spaghetti e intagli laterali – visti in giallo canarino o rosso amaranto.
 
Lo show è culminato con un trio di abiti lunghi fino al pavimento in colori pastello, tremendamente di classe e davvero nuovi. Il tutto abbinato a mocassini maschili e robusti sandali molto chic, e indossato con alcune fantastiche “Dia Day Bag”, ravvivate da rafia intrecciata a mano e finto coccodrillo tecnico.
 
“Una celebrazione di nuove libertà, per quanto fragili possano sembrare, unita a un assoluto ottimismo per tutto ciò che ci aspetta”, è stato il modo in cui il duo ha definito la collezione.

Moschino - Primavera-Estate 2022 - Womenswear - New York - Photo: Moschino


Moschino: il pascolo della moda
 
Gli dei del tempo non hanno brillato su Moschino in questa stagione, ma gli dei dell'ingegno e dell'invenzione erano di umore più gentile. Fatta sfilare sotto una pioggerellina costante a Bryant Park, la collezione è stata un'espressione umoristica e vivace della moda ottimista del designer più spiritoso e arguto del settore, Jeremy Scott.
 
Giocando su idee pop retrò e stampe da scuola materna, Scott ha spedito in passerella abiti corti a trapezio con maniche a sbuffo e mini giacche da flamenco con gonne ancora più in miniatura e bustier abbinati. Mentre il più lusinghiero degli abiti da picnic aveva bottoni fatti di grandi cuori rosa.
 
I tessuti preferiti di Jeremy per la prossima primavera sono le stampe pastello naif con trionfi di orsi rosa, elefanti turchesi e agnelli lilla: fantastiche idee per la carta da parati della cameretta dei bambini. A decorare: braccialetti infiniti, afro pieni di perline e tacchi alti in un caleidoscopio di tonalità da pasticceria. Tutto il cast si pavoneggiava impettito portando con sé borsette abbinate – dai colori coordinati al massimo.
 
“Sweet dreams are indeed made of these” (“I sogni d’oro sono davvero fatti di questo”, ndr.), ha commentato Scott parafrasando il famosissimo verso della canzone degli Eurythmics, il quale ha poi assicurato che raramente le donne che pranzano sono sembrate più felici.
 
Leggermente assurdo e bizzarro il fatto che (ma d’altronde, questo era un elemento chiave del DNA di Franco Moschino) le stampe animalier siano diventate tridimensionali nel finale.
 
Il cast stellare del défilé - da Gigi Hadid a Imaan Hammam - sfilava mentre i fotografi si precipitavano ai loro posti e gli ospiti in mascherina si rannicchiavano sotto grandi ombrelli da golf. Il climax? L’inchino di Scott, apparso a salutare insieme alla bellissima modella transgender antiguano-americana Aaron Philip, su una sedia a rotelle.

Carolina Herrera - Primavera-Estate 2022 - Womenswear - New York - Photo: Carolina Herrera


Carolina Herrera: la ragazza dei quartieri alti festeggia i suoi 40 anni
 
Il designer Wes Gordon ha celebrato il 40° anniversario della casa di moda Carolina Herrera con uno show intimo allestito in una storica palazzina dell'Upper East Side.
 
Carolina Herrera è sempre stata una delle aziende più ‘patrizie’ di Manhattan, e questa collezione non ha fatto eccezione. Versioni con le spalle a sbuffo del look più caratteristici di Carolina: l'abito bianco signorile; maestosi e grandiosi abiti di seta in bianco e nero, o vestiti da cocktail punk in jacquard: tutto inconfondibilmente Carolina Herrera.
 
Con Gordon, la ragazza Herrera è ringiovanita di un decennio, grazie alle bellissime camicie di cotone bianco con dettagli floreali arricciati e maniche gesuitiche, o negli audaci microabiti da cocktail a quadri color crema e cremisi rifiniti con le paillette. La cosa migliore è che ha giocato sui classici pois di Carolina in una nuova stampa con lettere del logo, vista su alcuni splendidi abiti.
 
Anche se le migliori idee di Wes sono state probabilmente le più sontuose: bustier di paillette antracite su giganteschi vortici di raso, o abitini nero lucido con enormi strascichi.
 
In un certo senso la collezione è stata una coraggiosa scommessa sul futuro, ovvero sul fatto che la società riaprirà davvero la prossima primavera con serate di beneficenza e balli, matrimoni e weekend maliziosi. Speriamo che Wes vinca quella scommessa.

 


Michael Kors: i bei tempi a Central Park
 
Il designer più esuberante d'America, Michael Kors, è tornato alla natura questa stagione con una sfilata dentro al “Tavern on the Green”, il famoso ristorante proprio sul lato occidentale di Central Park.
 
Sembravano i vecchi tempi, con la presenza di un folto gruppo di star - come Kate Hudson che ha registrato sull’iPhone il finale - sedute accanto al nuovo CEO della casa Joshua Schulman e all’autorità definitiva del marchio, John D. Idol, il CEO del suo proprietario, Capri.
 
Anche se mostrati in un parco verdeggiante, gli abiti erano decisamente da città: vestitini neri con scollo all'americana, gonne svasate di pelle e trench ultra morbidi in rosa o ecrù.
 
Per la sera, una divina guaina di pelle con ritagli e diversi fantastici abiti da cocktail a matita dai colori confetto in guipure o gonne ampie sormontate da canottiere. Per un weekend al mare, maglioni in cashmere nero, con un cuore e una mano rossi che li attraversano.
 
Diverse modelle portavano tote bag e borse a secchiello, da alcune spuntavano rose, anche se questa ode al glamour del jet set è parsa un po' fuori tempo rispetto allo spirito attuale.
 
Accompagnato dalla bassista e torch singer Ariana DeBose, che canticchiava a voce bassa e intensa classici come My Baby Just Cares For Me, la sfilata è stata molto raffinata, con Kendall Jenner e la maggior parte del cast che sfoggiava capelli cerati indietro e labbra rosso rubino.
 
In poche parole, questa era ben lungi dall'essere la più grande collezione di Michael Kors, ma almeno è stata un'espressione di ottimismo dopo gli infiniti lockdown.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.