New Look fallisce in Belgio

Dopo aver raggiunto recentemente un accordo per ristrutturare il proprio debito, passando allo stesso tempo nelle mani dei suoi creditori, New Look prosegue la cura dimagrante cui si è dovuto sottoporre. L’insegna britannica ha annunciato di aver presentato istanza di fallimento il 16 gennaio dichiarandosi insolvente presso il Tribunale Commerciale di Bruxelles, preparandosi dunque a uscire dal mercato belga.

Il negozio New Look di Bruxelles, situato nel centro Anspach - New Look

“Dopo un esame della sua situazione finanziaria e commerciale, New Look Belgique, che attualmente gestisce sei negozi in Belgio, ha concluso di non essere in grado di proseguire la propria attività, decidendo di porvi fine”, ha indicato la catena del Regno Unito in un comunicato. “La società non ha raggiunto le vendite e la redditività necessarie”.
 
Il fallimento interessa circa 110 dipendenti. Il quotidiano nazionale La Libre Belgiqueha scritto il 17 gennaio che i dipendenti del marchio, riunitisi in assemblea generale a Bruxelles, hanno votato per scioperare, denunciando la procedura scelta dalla società, che elude, secondo i sindacati, la legislazione che consente ai dipendenti di ottenere indennità e misure di sostegno. La prossima settimana è prevista un’audizione in tribunale.
 
In difficoltà da diverse stagioni nel segmento della moda a prezzi bassi, l’azienda precisa anche che “continua la revisione strategica degli altri mercati internazionali di New Look”, i quali comprendono la Francia, dove in un primo tempo il marchio aveva annunciato l’adozione di un piano sociale lo scorso autunno, prima di ritrattarlo e di ordinare una verifica della filiale transalpina. Nel corso di quest’anno potrebbero quindi essere chiusi molti store New Look in Francia, anche se un'uscita totale dall’Esagono per il momento è ancora esclusa.
 
Ricordiamo che il 14 gennaio la società ha presentato un nuovo accordo sul proprio debito: questo ha raggiunto il picco di 1,35 miliardi di sterline, ma sarà ridotto a 350 milioni di sterline. In cambio, i vari creditori della catena inglese (che non ne comunica i nomi) deterranno come contropartita il 72% della società, mentre Brait, il suo proprietario dal 2015, conserverà il 20% del capitale sociale come azionista di minoranza. Nell’anno fiscale 2017/18, le vendite di New Look erano diminuite del 7,3%, a 1,34 miliardi di sterline (1,52 miliardi di euro), mentre il suo risultato operativo era stato di -74,3 milioni di sterline (-84,4 milioni di euro). 

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - AltroDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER