×
1 009
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 dic 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nel Regno Unito aumenta il numero di dettaglianti “in difficoltà”

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 dic 2020

Il numero di marchi di moda e dettaglianti indipendenti in “grande difficoltà finanziaria” è in aumento in UK.Un incremento osservato già prima dell’istituzione di un nuovo lockdown in alcune parti del Regno Unito lo scorso fine settimana.

Photo: Kate Trifo/Pexels


È quanto indica l'ultimo rapporto di Begbies Traynor, società specializzata in ristrutturazioni aziendali, che si è interessata al settore retail. Secondo il quotidiano The Guardian, poco più di 39.000 rivenditori al dettaglio (fisici o attivi nell’e-commerce) hanno dovuto affrontare gravi problemi finanziari nel trimestre conclusosi il 9 dicembre.
 
Per metterla in prospettiva, questa cifra è superiore del 24% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Si tratta di un aumento dell'11% rispetto al trimestre precedente, il che mostra fino a che punto la situazione si sia deteriorata nel corso dell'esercizio.

Secondo Begbies Traynor, ci si aspetta che diverse altre aziende saranno costrette a seguire il percorso dei giganti del retail Arcadia e Debenhams, entrambi in bancarotta. Questa previsione non sorprende, visto l'anno particolarmente difficile vissuto dai dettaglianti del Regno Unito - inoltre, gennaio è spesso caratterizzato da molte dichiarazioni di fallimento, anche in tempi normali. Le ultime misure sanitarie (e la minaccia di un lockdown a livello nazionale dopo Natale) rischiano di peggiorare ulteriormente la situazione all'inizio del prossimo anno.
 
Altro punto preoccupante: se il commercio al dettaglio fisico è stato particolarmente colpito dalla crisi sanitaria quest'anno, Begbies Traynor ha però rilevato che non meno di 11.500 rivenditori online (“pure players”) hanno dovuto affrontare anch’essi difficoltà finanziarie.
 
Le vendite realizzate tramite e-commerce sembravano essere una valida alternativa per proseguire l’attività durante i lockdown, ma questo indicatore dimostra al contrario come avere un canale di vendita online non sia necessariamente garanzia di successo.
 
Secondo Julie Palmer, partner di Begbies Traynor, “il commercio al dettaglio, che già soffriva di una crisi di fiducia, è stato scosso dalle fondamenta. Questi fallimenti di portata drammatica, come quelli di Arcadia e Debenhams, non minacciano solo migliaia di posti di lavoro, bensì sollevano pure molte domande sul futuro del retail così come lo conosciamo, e mi aspetto che ce ne saranno altri all'inizio del 2021”.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.