×
1 522
Fashion Jobs
CAMICISSIMA
Magento Specialist 2.4
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Real Estate Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci- Corporate Image Department Director
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager East Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Di
Ansa
Pubblicato il
26 apr 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nel 2020 i consumi italiani crollano sotto la media Ue

Di
Ansa
Pubblicato il
26 apr 2021

Gli italiani possono spendere meno per colpa della pandemia e i consumi crollano nel 2020 per la prima volta sotto la media dell'Ue a 27. È quanto emerge dalle tabelle dell'Istat sul Pil: nell'anno dell'emergenza Covid, fatto 100 i consumi degli europei in media, gli italiani hanno avuto un consumo individuale pari a 98,7, in calo rispetto al 102,1 del 2019. In pratica hanno avuto consumi pari a 19.290 euro a fronte dei 19.560 della media Ue a 27. Rispetto al 2019 si sono persi oltre 1.700 euro a fronte dei mille persi dell'Ue a 27 in media.

Ansa


Nel 2000, anno di inizio delle serie storiche, gli italiani potevano contare su un indice di 120. I dati sul Pil e sui consumi sono legati all'andamento della pandemia da Covid 19 e al lungo periodo di lockdown sperimentato dall'Italia seguito da restrizioni alle attività economiche soprattutto per i servizi. E sono al tempo stesso la testimonianza degli effetti del marcato impoverimento nel nostro Paese dove, sempre nel 2020, le persone in povertà assoluta sono state un milione in più rispetto all'anno prima, per un totale di 5,7 milioni. E quelle a rischio povertà rischiano un'esplosione e già nel 2019 erano più di un quinto della popolazione italiana.

Così, l'Italia perde posizioni nella classifica di tutti i beni e servizi effettivamente consumati dalle famiglie, mentre la Germania, dopo aver perso quasi venti punti dal 2000 al 2010 (da 140,9 a 121,7) ha recuperato fino a 134,4, migliorando anche sul 2019. Il Paese con l'indice più alto dei consumi individuali rispetto alla media Ue resta il Lussemburgo con oltre 200 punti (in aumento sul 2019) mentre quello con il dato più basso è la Bulgaria con 31 ma in crescita di quasi 10 punti sul 2010 (era a 21,1). Sopra la media europea resta la Francia (119,8, in calo dal 120,1), mentre la Spagna perde quota scendendo dall'87,8 all'83,8.

Se si guarda al prodotto interno lordo a prezzi di mercato sempre in percentuale del Pil pro capite nell'Ue a 27, l'Italia arretra passando da 95,2 a 92,8, mentre la Germania cresce da 133,2 a 135,2. Se si analizzano i consumi individuali a prezzi correnti la media pro capite in Italia è passata dai 21.020 euro nel 2019 a 19.290 con una perdita in un anno di oltre 1.700 euro a fronte di poco più di 1.000 della media Ue a 27 (da 20.600 a 19.560).

Il prodotto interno lordo pro capite a prezzi correnti nel 2020 è diminuito in Italia da 29.680 a 27.500 euro con oltre 2.000 euro di perdita a fronte dei 1,510 persi in media nell'Ue a 27 (da 31.170 a 29.660). Di conseguenza, calcola Eurostat, la spesa per consumi finali delle famigli è diminuita dai 1.087,25 miliardi nel 2019 a 958,493 nel 2020 con un calo dell'11,84% (oltre 128 miliardi in meno). Il dato a prezzi correnti è il peggiore dopo il 2009 quando era risultato 957.430 milioni. Nello stesso periodo in Francia i miliardi persi per la spesa delle famiglie in consumi finali rispetto al 2019 sono circa 90 con un calo del 7,11% (da 1.267 miliardi a 1.177). In Germania la perdita è di circa 60 miliardi ma su un volume superiore (-4,65%). Un calo in percentuale superiore a quello italiano lo ha avuto la Spagna con il passaggio dai 739,557 miliardi di spesa per consumi delle famiglie nel 2019 a 622,189 nel 2020 (-15,87%).

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.