×
1 690
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 set 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Neiman Marcus esce dalla procedura di fallimento

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 set 2020

Quasi cinque mesi dopo essersi dichiarato in bancarotta nel bel mezzo della crisi del Covid-19, il gruppo americano Neiman Marcus ha annunciato di essere uscito dalla procedura fallimentare, comunemente nota come “Chapter 11” negli Stati Uniti. Il gruppo di grandi magazzini, che possiede anche le insegne Bergdorf Goodman e Horshow, è riuscito a ristrutturare il proprio debito riducendolo di oltre 4 miliardi di dollari, dopo che aveva raggiunto il picco di quasi 5 miliardi all'inizio della procedura. Inoltre, i suoi creditori hanno preso il controllo dell'azienda.

Instagram @neimanmarcus


Nato a Dallas 113 anni fa, Neiman Marcus conta adesso i fondi PIMCO, Davidson Kempner Capital Management e Sixth Street come nuovi proprietari. Geoffroy van Raemdonck rimane l'amministratore delegato dell'azienda, ma il consiglio di amministrazione è stato riorganizzato e registra in particolare l'arrivo al proprio interno di Pauline Brown, ex presidente per il Nord America di LVMH, Pamela Edwards, ex direttore finanziario di Victoria's Secret, e Kris Miller, ex direttore della strategia di Ebay.
 
“Benché la tempesta commerciale senza precedenti causata dal Covid-19 abbia presentato molte sfide, ci ha anche dato l'opportunità di ripensare la nostra piattaforma e migliorare le attività. Riemergiamo dal “Capitolo 11” come distributore, partner dei brand e datore di lavoro più forte e innovativo”, afferma il CEO di Neiman Marcus in un comunicato.

Grazie al piano di ristrutturazione avviato, la società, che gestisce 43 negozi, sostiene inoltre di aver ridotto le proprie spese di 200 milioni di dollari all'anno. Mentre un piano di rifinanziamento da 750 milioni di dollari è stato implementato dai nuovi azionisti per portare ulteriore liquidità alla società.

Il punto vendita Neiman Marcus di Bal Harbour, negli Stati Uniti - Neiman Marcus


Secondo la stampa statunitense, il gruppo ha licenziato molte persone in varie mandate e ha chiuso definitivamente alcuni dei suoi punti vendita. Tuttavia, Neiman Marcus non ha specificato nel suo comunicato stampa il numero preciso di posti di lavoro cancellati.
 
Il gruppo non è l'unico attore tra i leader americani della distribuzione ad aver vissuto un brutto periodo. Quest'anno, la pandemia ha colpito duramente anche l’insegna J.Crew e i grandi magazzini JC Penney e Macy's.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.