×
1 076
Fashion Jobs
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
Pubblicato il
4 mag 2019
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Navigare nomina AD Andrea Corradini. Novità distributive in Regno Unito, Italia e Cina

Pubblicato il
4 mag 2019

Con molta discrezione, il brand italiano di sportswear maschile di medio-alta gamma Navigare, creato dalla Manifattura Riese di Rio Saliceto (RE), ha recentemente cambiato Amministratore Delegato, e per farlo ha optato per una soluzione interna, promuovendo nel ruolo di massimo dirigente Andrea Corradini. Questi ha maturato ben 14 anni di esperienza all’interno della società occupandosi di operations e organizzazione aziendale ed è subentrato a Leonardo Glionna dal 1° marzo scorso.

Navigare per il Giro d'Italia


“Stiamo proseguendo nella nostra riorganizzazione, che prevede in una prima fase l’ulteriore rilancio della distribuzione diretta e una verifica di quella wholesale, per noi molto importante. La mia nomina va vista in piena continuità con il percorso di Leonardo Glionna”, ha affermato Corradini, raggiunto telefonicamente da FashionNetwork.com. “Semplicemente, il Consiglio d’Amministrazione ha ritenuto più logico avere alla guida di Navigare una figura che per le sue caratteristiche fosse più direttamente in grado di mettere in pratica questi piani”.
 
La principale novità distributiva riguarda l’ingresso nel Regno Unito, con una prima presenza-test nei department store della catena John Lewis. L’azienda possiede da tempo il 100% di una controllata in Bulgaria, che sviluppa la produzione della maglieria per la Manifattura Riese. “Nel 2018 e 2019 abbiamo sviluppato bene il suo business con l’acquisizione di alcune importanti nuove commesse da terze parti”, puntualizza il nuovo AD.

Corradini conferma che Navigare continuerà a curare da vicino il mercato domestico, in cui genera ancora l’80% del fatturato, ma anche i Paesi dell’Est Europa, primi sbocchi internazionali per il brand. Si tratta in particolare dell’area dell’ex Jugoslavia (Serbia, Croazia, Montenegro e Slovenia), che genera due terzi dei ricavi esteri, e della Russia. Navigare è distribuito in una trentina di nazioni, ma sono 15 quelle in cui è presente in modo davvero strutturato.
 
Quest’anno Navigare ha aumentato la distribuzione in Italia con 50 clienti multimarca in più grazie alla collezione AI 2019, arrivando a 450 vetrine nello Stivale, e possiede sempre 5 monomarca diretti (due a Palermo, uno ad Arese, Brescia e Udine) cui si affiancano 12 negozi outlet. “Non abbiamo previsto aperture di monomarca nel 2019, ma stiamo valutando due aperture di outlet, uno in un centro importante e l’altro nella zona di Pescara”, si limita a rivelare Corradini.
 
Rispetto alle previsioni di tre mesi fa, il fatturato di fine esercizio 2018 (vicino ai 30 milioni di euro) è leggermente calato, ma la redditività continua a salire, tanto da essere raddoppiata nello scorso esercizio. Questa cifra di turnover non comprende il dato dei licenziatari Italia “che nel nostro Paese generano altrettanto volume d’affari, se non di più”, afferma Corradini. E non comprende nemmeno la Cina, che non è controllata direttamente. Sulle vendite realizzate nella rete di oltre 150 punti vendita monomarca Navigare locali (in un anno sono aumentati di 50 unità) l’azienda percepisce solo delle royalties. Questi store sono gestiti da due licenziatari locali, uno per l’abbigliamento esterno e un altro per l’intimo.

Lo stile casual di Navigare


Continua intanto il legame di Navigare con il ciclismo, sport in cui per molti anni ha sponsorizzato una squadra che faceva del lancio di giovani talenti la sua principale caratteristica. Il brand reggiano ha perfezionato una partnership per il 2019 e il 2020 con il Giro d’Italia, come fornitore ufficiale e licenziatario dell’abbigliamento non sportivo (quello casual che veste tutto lo staff di 400 persone della corsa rosa), nonché la licenza di rivendita di questi prodotti su tutti i canali distributivi.
 
La linea comprende abbigliamento ed accessori, inclusi zainetti e cappellini, personalizzati con l’abbinamento del marchio Navigare al classico logo Giro d’Italia. Questa edizione limitata di capi speciali verrà venduta nei Giro Store di tutte le 21 tappe di partenza ed arrivo, tramite il canale ufficiale e-commerce Girostore.com e presso un numero selezionato di punti vendita Navigare distribuiti sul territorio nazionale.
 
Navigare è ancora di proprietà della società Consilium SGR, che nel 2015 ha comprato l’80% del brand per conto del fondo italiano Consilium Private Equity Fund III, mentre la famiglia fondatrice ha mantenuto il 20% delle quote.
 
La Manifattura Riese possiede un altro marchio, Navy Seal, di abbigliamento maschile entry level, un total look uomo anch’esso d’ispirazione casualwear/sportswear, che ha una distribuzione completamente diversa.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.