×
1 427
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
12 giu 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moody's: giù margini e consumi per retail e grandi catene fino al 2020

Di
Adnkronos
Pubblicato il
12 giu 2019

Erose dall'e-commerce e dal cambiamento delle abitudini dei consumatori, le vendite del settore dell'abbigliamento retail nei paesi europei si indeboliranno ulteriormente nel 2020. Secondo un report di Moody's sull'argomento, la qualità del credito continuerà a peggiorare, a causa della concorrenza, e il rallentamento dell'economia colpirà la crescita degli utili e dei margini. Gli sconti rimarranno elevati, dato che la concorrenza online farà scendere i prezzi, e la spesa dei consumatori per vestiti e scarpe diminuirà sul totale dei consumi.

@lebonmarche


Una tendenza, questa, destinata a rimanere invariata nei prossimi 12-18 mesi: le persone spenderanno il loro reddito disponibile sempre di più per servizi, attività ricreative, alloggi e salute, meno per magliette e vestiti. Per questo, "saranno necessari”, segnala l'agenzia di rating, “investimenti tecnologici e il passaggio ad una filiera agile affinché i retailer possano rimanere competitivi". I più "vulnerabili" saranno quelli posizionati sul segmento di massa, dove i margini sono sempre più risicati, e il report cita in questo gruppetto anche H&M. Diverso è il caso di aziende con margini elevati, forte riconoscimento del marchio e avanzata capacità nelle vendite digitali come SMCP, Next e Inditex, proprietaria di Zara, che meglio preserveranno la qualità del credito.

Un caso a parte è quello della Francia, dove è evidente il "declino strutturale" del consumo di abbigliamento negli ultimi dieci anni. Secondo la ricerca dall'Institut Français de la Mode, il mercato francese ha perso il 15% in valore dal 2008, in gran parte come risultato di un mercato molto frammentato e aggressivo dal punto di vista degli sconti. Kantar Worldpanel, società di ricerca, stima che il 47% delle vendite sia realizzato a prezzi scontati in Francia rispetto al 30% di 10 anni fa. Scontistica aumentata a causa dell'espansione del fast fashion, complice l'abbigliamento economico ad alti volumi di aziende come Primark, Zara e H&M. Secondo uno studio del 2016 della società di consulenza manageriale McKinsey, il numero di capi che un individuo acquista ogni anno è aumentato del 60% a livello globale in media dal 2000.

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.