×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
20 lug 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moda Uomo, Marenzi: “Stime Pe 2021 drammatiche, format fisico rimarrà centrale”

Pubblicato il
20 lug 2020

Tutto da rifare per il menswear Made in Italy. Il trend positivo degli ultimi anni si infrange contro il muro del covid che rischia di abbattere il fatturato del settore del 25-35%. “Ma la stima si basa sui primi quattro mesi dell’anno e l’intervallo potrebbe allargarsi fino al -50%”, avverte il presidente di Pitti Immagine, Claudio Marenzi, in apertura della conferenza stampa di Pitti Connect, la prima edizione esclusivamente digitale del salone Pitti Uomo.

Il progetto di Pitti Immagine 'Otherwise Formal'


Dopo aver superato quota 10 miliardi di euro di giro d'affari nel 2019, la moda maschile italiana viaggiava verso una crescita annua del +4,5%. “Poi è arrivato il Covid e i dati sono drammatici”, spiega Marenzi, che profila due scenari possibili per il prossimo autunno.
 
“Tutto dipenderà dalla recrudescenza del virus”, sottolinea il numero uno di Pitti Immagine e patron di Herno. Nel caso di una seconda ondata ‘controllata’, si vedrà uno spiraglio già dall’A/I 2021. Nell’ipotesi più ‘dura’, invece, “non usciremo dalla crisi prima della primavera-estate 2022”.

Potrebbe essere necessario, quindi, ancora un anno e mezzo per la ripartenza del settore, dopo un 2019 estremamente positivo (+6,6%) trainato dalle esportazioni (+10%), con il boom verso Uk (+22%), divenuto primo mercato di sbocco davanti a Svizzera e Germania, e il trend positivo dell’Asia, in primis di Giappone e Corea (+17%), e della Cina (+7%).
 
“Le ripercussioni della crisi si vedranno già dalla prossima stagione invernale ma diventeranno drammatiche con la Pe 2021. Tutte le aziende, grandi e piccole, avranno difficoltà che dipenderanno principalmente dal loro grado di indebitamento”, aggiunge Marenzi.
 
Un’opportunità per il rilancio arriva dall’online, e la piattaforma digitale Pitti Connect ne è un esempio, permettendo anche ai brand meno strutturati di presentare le collezioni e ricevere ordini nonostante le limitazioni vigenti. Tuttavia, conclude il presidente Marenzi, “la ‘fisicità rimane insostituibile. I clienti multibrand vogliono tornare al fisico e, chiuso questo tragico intervallo, gran parte del sistema riadotterà le soluzioni pre-covid, con visite in showroom e fiere fisiche”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.