×
1 598
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Digital Communication Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
Pubblicato il
9 giu 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moda junior: diversificazione e approccio digital per uscire dalla crisi

Pubblicato il
9 giu 2020

La moda bambino vede almeno un anno in flessione: meglio dell’adulto, ma il suo vero banco di prova sarà il prossimo estivo. Luce in fondo al tunnel più vicina, invece, per chi ha investito su digitale e diversificazione delle produzioni, che permetteranno di compensare più velocemente le perdite. 

Licia Angeli


Licia Angeli, imprenditrice del kidswear con il marchio Nanan e vicepresidente nazionale dei Giovani di Confindustria, ha le idee chiare su come uscire dalla crisi del covid. FashionNetwork.com l’ha incontrata per parlare delle strategie di rilancio del comparto, tornato in pista tre settimane prima dell’adulto, beneficiando di una riapertura anticipata dei negozi.
 
In questo periodo “sono aumentate le vendite legate alla continuità della nascita dettate dalla necessità, ma è mancato l’acquisto emozionale”, spiega Angeli, in corsa per il rinnovo della presidenza degli under 40 di Confindustria con delega a ‘Manifattura e Made in Italy’ nella squadra di Riccardo di Stefano.

Lo scoppio della pandemia ha frenato la “forte crescita del comparto evidenziata da Smi nei primi due mesi dell’anno”, prosegue l’imprenditrice. “Il 70% dei rivenditori, ad oggi, non ha ancora venduto l’estivo. Lo slittamento dei saldi ad agosto potrebbe aiutare, ma” – sottolinea – “il vero danno si vedrà a partire dalla Pe 2021, con ordini che rischiano di essere dimezzati o cancellati”.
 
Per recuperare il terreno perso, afferma, “le aziende dovranno orientare l’attività oltre l’abbigliamento, verso accessoristica e nuovi canali, per esempio facendo leva sulla conversione di parte delle produzioni, avviata da febbraio per la fornitura di mascherine”.
 
L’approccio digital sarà il vero spartiacque per il settore. Il mercato “premierà le aziende che hanno già intrapreso questo percorso; chi è arrivato tardi va incontro a un calo maggiore del business e dovrà attendere più tempo per vederne i benefici”.
 
La crisi richiede uno sforzo di sistema e anche le istituzioni hanno dovuto fare la loro parte. “Le misure del governo”, però, “non sono sufficienti e le tempistiche ancora da rivedere”, sostiene Angeli. “Molte imprese hanno anticipato la cassa integrazione ai dipendenti. Il credito bancario è stato snello, ma è pur sempre un indebitamento. Infine, la burocrazia sarà di ostacolo alla ripresa”.
 
Anche la moda bambino, basata sulle stesse tempistiche dell’adulto, è stata investita dalla riflessione sui ritmi del fashion scaturita durante il lockdown. “Veniamo da anni di rincorse frenetiche tra case di moda, con gli stilisti chiamati a disegnare collezioni considerate ‘vecchie’ ancora prima di essere presentate. Oggi occorre ridurre le uscite e riscoprire l’eleganza senza tempo, come ha suggerito il maestro Armani”, conclude Licia Angeli.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.