×
1 327
Fashion Jobs
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
12 dic 2011
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moda e nuove tendenze, bando alle 'Shopaholic': il tempo della 'Donna-Lego'

Di
Adnkronos
Pubblicato il
12 dic 2011

Sarà stata la crisi a premere sull'acceleratore di una nuova coscienza e consapevolezza che già da tempo si stava facendo strada nell'universo femminile appassionato di moda. Probabile. Certo è che oggi l'atteggiamento nei confronti del consumo al femminile sta cambiando. E' meno vittima delle mode e decisamente più indipendente, sobrio, colto. Che tradotto significa capacità di mettere insieme ciò che apparentemente non c'entra nulla: Zara e Valentino, due nomi a caso ma espressione di due mondi diversissimi, oppure vintage e nuove tendenze, di cui per altro si è sempre più alla ricerca.




E' arrivato il tempo della 'Donna-Lego', come la chiama una brand hunter ed esperta di comunicazione e marketing strategico nel mondo della moda come Antonella Bentivoglio d'Afflitto. Oggi "si acquista - spiega all'Adnkronos - in maniera completamente diversa dal passato: in un outlet, da un'amica, al mercato. Insomma siamo sempre più 'Donne-Lego' che scelgono la borsa vintage, l'abito della mamma, il pantalone di Zara o un cappotto di Valentino; una sciarpa strepitosa, un accessorio ricercato".

E a queste donne si rivolge il suo format di ricerca, nel segno del neonato 'Presidio Slow Fashion International', dal 20 novembre a Torino. Da questa domenica alle 17, è scattata infatti (nella cornice di "The Kitchen of Fashion", all'interno della seicentesca corte di corso Galileo Ferraris 55), la sesta edizione di "Cote, Fashion in un cortile - Shopping Christmas Preview".

Una settimana per scoprire e acquistare abiti ed accessori Made in Italy di trenta stilisti e maison per la loro prima volta a Torino. "Si tratta - spiega Bentivoglio d'Afflitto - di un composit finito, un insieme che offre una maggiore attenzione al gusto". Una selezione di giovani marchi, piccoli, "che sono una risorsa del mercato. Mentre i grandi hanno la forza per dominarlo, i medi sono in difficoltà, ma i piccoli non hanno problematiche da un punto di vista delle strutture e possono gestire la produzione in maniera molto snella. L'azienda familiare sta dimostrando che tiene e questo è un messaggio molto italiano", spiega Antonella.

"Oggi vediamo fare cose dai giovani che non avevamo mai visto, come 'toccare' una giacca, un tessuto. Stiamo diventando un po' meno 'shopaolic': c'è stato un momento in cui si comperava in maniera assolutamente smodata. Oggi torna la pulizia formale, il rigore di Jackie O' ed Audrey Hepburn, non i mille strati o le sovrapposizioni".

Ecco allora anche la curiosità per la qualità e la novità, con la selezione e la ricerca di nuovi mondi e di nuove capacità espressive: nel cortile torinese di Antonella Bentivoglio d'Afflitto, faranno capolino una trentina di brand, tra bijoux come le perle veneziane di Mao, le gioie di Patricio Parada ispirate al sogno e alla natura o di Suzanne Werson che lavora per Ralph Lauren e Vera Wang. Gli abiti ad 'A' di Pièces Uniques in tweed e flanella con ricami in 3D, pied de poule giganti su charmelaine di lana dai colori flashy, rose grafiche nere su velluto mandorla lavato. Capi ispirati, appunto, al guardaroba Audrey Hepburn. Oppure gli abitini bon ton e la petite robe noir con i nastri di gros e le micro maniche in maglia e gli accessori in cachemire di Alessandra Biagioli e di La Lièvre et la Tortue dal taglio sartoriale.

Approdano nella capitale sabauda anche le ballerine Made in London Cocorose e gli incantevoli cerchietti e accessori in piume e petali della fiorentina Nanà. Dalla Lombardia passando per l'India le pashmine e le sciarpe incantate di Tre40Shawls, Buby e Mariella creano una limited edition di preziosi scialli ricamati ed impalpabili realizzati nello stato del Kerala, con mille sfumature con ricami ramage a motivi floreali in seta tono su tono o in nuances.

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.