×
1 455
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Miroglio crea l’area di business “Capo finito” e la assegna a Stefano Mulasso

Pubblicato il
today 5 feb 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Prosegue incessante la fase di nomine di professionisti all’interno del gruppo cuneese di tessile-abbigliamento Miroglio. Oggi è la volta di Stefano Mulasso, che è stato nominato responsabile della nuova area di business “Capo finito” di Miroglio Textile. Questa nuova iniziativa verrà sviluppata pensando alla realizzazione di capi d’abbigliamento i quali utilizzeranno tessuti che prevalentemente saranno proprio di Miroglio Textile.

Stefano Mulasso - Miroglio Textile


Stefano Mulasso riferirà direttamente all’Amministratore Delegato di Miroglio Textile, Armando Ballarini. Mulasso, albese d’origine, lavora nel settore del tessile e del fashion da oltre 15 anni. Entrato nel Gruppo Miroglio subito dopo gli studi, è cresciuto internamente all’azienda, perfezionando le proprie competenze dapprima nelle aree tecnico-modellistiche, poi logistiche e infine in quelle produttive, assumendo ruoli di sempre maggior responsabilità: da Responsabile di Stabilimento in Nord Africa è diventato Responsabile di Produzione e, in ultimo, Supply Chain Director.
 
Il progetto “Capo finito” costituisce un investimento importante per lo sviluppo di una delle aree a maggior potenziale di crescita per Miroglio Textile, riferisce il comunicato ufficiale dell’azienda piemontese. Grazie a questa iniziativa, la società affiancherà infatti alla produzione di tessuti stampati anche la possibilità di realizzare per la propria clientela il capo finito nella sua globalità. Un passo significativo nell’ottica dell’innovazione e dell’offerta di prodotto, che la pone a livelli di leadership in Europa nel settore tessile, conclude la nota.

La fase di riorganizzazione interna del Gruppo Miroglio è partita lo scorso ottobre con la nomina di Lorenzo Dovesi come nuovo Chief Operations Officer di Miroglio Fashion, ed è proseguita a novembre con la nomina di Alberto Racca nel ruolo di Group Strategy & Transformation Directore quindi di Filippo Ferrua Magliani nel ruolo di Presidente del gruppo. Inoltre, Roberta Trinchero è stata promossa nella nuova posizione di Total Quality Manager di Miroglio Fashion a partire dal 1° gennaio 2019, mentre tre settimane fa Giuseppe Miroglio è diventato Vicepresidente di Miroglio S.p.A., Mario Montù, già CFO, ha assunto anche il ruolo di Direttore Generale, e Giorgio Bernini è entrato a far parte del Gruppo Miroglio in qualità di Chief People & Organization Officer. L’obiettivo dichiarato dell’azienda è disegnare tramite queste nomine un nuovo assetto organizzativo che persegua gli obiettivi prefissati per i prossimi anni.
 
Nato ad Alba (CN) nel 1947, il gruppo Miroglio opera nel mondo del tessile-abbigliamento attraverso tre società distinte: Miroglio Fashion, che presidia il mercato del womenswear con 12 brand (tra cui Motivi, Elena Mirò e Fiorella Rubino), distribuiti attraverso 1.100 punti vendita monomarca, 2.300 multimarca e 6 piattaforme di e-commerce; Miroglio Textile, la divisione tessile; e M2Log, che cura gli aspetti legati al sourcing e alla logistica del gruppo. Il Gruppo Miroglio ha chiuso il 2017 con 620 milioni di euro di ricavi.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.