×
1 381
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Di
Reuters
Pubblicato il
18 dic 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Milioni di lavoratori tessili del Bangladesh operano ancora in condizioni di mancata sicurezza

Di
Reuters
Pubblicato il
18 dic 2015

Il Bangladesh ha molti più stabilimenti operanti nel business dell'abbigliamento globale di quanto dichiarato dalla sua industria, e milioni di persone che vi lavorano sono esposte a condizioni di lavoro non sicure, ha rivelato giovedì scorso uno studio statunitense.

AFP


L'industria dell'abbigliamento del Bangladesh (che vale 25 miliardi di dollari, pari a 23,1 miliardi di euro) è stata oggetto di un piano di revisione della sicurezza degli stabilimenti produttivi dopo il crollo dell'edificio Rana Plaza del 2013, nel quale morirono oltre 1.100 persone.

Migliaia di fabbriche hanno subito ispezioni e decine sono state chiuse per problemi di sicurezza.

Ma in molte fabbriche funzionanti, i dipendenti non hanno avuto alcun miglioramento delle condizioni in cui si trovano ad operare, ha riferito in uno studio lo Stern Center for Business and Human Rights della New York University.

Gli autori hanno determinato che più di 7.000 fabbriche in Bangladesh stanno producendo merci per l'industria globale dell'abbigliamento, circa il doppio delle 3.600 fabbriche esportatrici che la Bangladesh Garment Manufacturers and Exporters Association (Associazione dei Produttori ed Esportatori di Abbigliamento del Bangladesh, ndr.) afferma siano operative.

Molti di questi sono stabilimenti di piccole e medie dimensioni, i cui lavoratori indirettamente producono beni per i marchi esteri con il tramite delle fabbriche più grandi, hanno scoperto gli autori dell'indagine.

"Sebbene i marchi globali asseriscano di applicare politiche rigorose contro il subappalto, in realtà milioni di lavoratori e migliaia di fabbriche più piccole stanno producendo le loro merci", ha detto in un comunicato Sarah Labowitz, condirettore dello Stern Center for Business and Human Rights.

"Lavorare in queste fabbriche spesso è altamente rischioso", ha aggiunto la Labowitz.

Il presidente dell'associazione degli industriali del Bangladesh, Siddiqur Rahman, ha affermato all'agenzia di stampa Reuters di non concordare con la rilevazione secondo la quale esisterebbero 7.000 fabbriche in Bangladesh che producono per il mercato globale.

"I compratori non effettuano ordini in fabbriche non conformi", ha detto, riferendosi a quelle fabbriche che non rispettano i requisiti e le norme di sicurezza del settore.

"Le fabbriche di subappalto non esistono", ha detto Rahman.

Tra i marchi globali che fanno confezionare i loro prodotti in questo Paese asiatico ci sono H&M, Gap Inc, Levi Strauss & Co e Marks & Spencer.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.