×
1 345
Fashion Jobs
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
STAFF INTERNATIONAL
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · NOVENTA VICENTINA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
ISAIA E ISAIA
Information Technology Business Analyst
Tempo Indeterminato · CASALNUOVO DI NAPOLI
Di
Ansa
Pubblicato il
20 set 2018
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Milano saluta sneaker e felpe, in passerella torna il vestito

Di
Ansa
Pubblicato il
20 set 2018

Bye bye sneaker e felpe, le donne vogliono tornare a vestirsi e a farlo senza tante sovrapposizioni, perché spesso basta un abito per sentirsi eleganti: il messaggio parte dalla passerella di N21, rimbalza su quella di Alberta Ferretti, risuona nella fabbrica abbandonata scelta da Jil Sander per la sua sfilata.

Alberta Ferretti - PE 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Magari non sarà un addio allo streetstyle, che nei negozi rimarrà sempre, ma una dichiarazione di intenti questo sì. Lo dice chiaro e tondo Alessandro Dell'Acqua, che con la sua N21 ha scelto di "guardare al passato per pensare al futuro". "Dopo tante stagioni di moda street, sportiva, che ha obbligato tutti a fare i ragazzini”, ha raccontato il creativo, “volevo tornare al vestito vero, perché il nostro compito è anche quello di educare alla creatività".

Ecco quindi un lavoro di sottrazione, quasi di scarnificazione, con gli abiti T-shirt di jersey indossati sotto un'intelaiatura di paillettes o di piume e con le scarpe di plexi che lasciano il piede nudo. E poi la mini e la T-shirt in duchesse con volant e piccola fibbia, l'abito in chiffon vetrificato, il cappotto di struzzo color mandarino, la gonna a matita in multiprene, tessuto solitamente usato per le coppe dei reggiseni, l'anorak in duchesse verde con zip sulla schiena e i tubini couture con grandi fiocchi in cotone tie and dye.

Da applausi, così come il racconto sfaccettato della femminilità contemporanea portato in passerella da Alberta Ferretti. Sotto i grattacieli, sfilano sulle note di Lucio Battisti "le mie donne speciali, forti e attente a ciò che accade loro intorno, ma delicate e piene di poesia". Le loro "innocenti evasioni" - incarnate in passerella da Gigi e Bella Hadid, Kendall Jenner e Kaia Gerber - vanno dagli abitini di cotone in pizzo sangallo ai maxi zaini in crochet, dalle mini con grandi tasche ai giubbini di denim, dal top di seta con pizzo ai cargo a vita alta, dagli abiti in chiffon ricamati alle tute corte in popeline, dalle camicie ampie in chiffon ricamato ai capi lunghi costruiti come sahariane.

Jil Sander - PE 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Da Jil Sander la coppia Lucie e Luke Meier trova l'equilibrio nei contrasti, partendo dal concetto di uniforme per esplorare il confine tra libertà e disciplina. Così le bluse color mastice hanno volumi boxy, i pantaloni sono ampi e con un maxi risvolto, portati con i sandali da samurai con la zeppa altissima. La camicia a righe lunga come un vestito si porta con gli stivali a calza spuntati, i risvolti delle maniche della T-shirt si fanno evidenti così come i revers della giacca che scivolano sul dorso, nella variante del blazer portata al rovescio e abbinata allo stivaletto da boxe con la punta da scarpetta da danza classica.

Un mix che funziona anche nella fusione tra materiali tecnici e altri organici, la stessa che si vede in passerella da Arthur Arbesser, che abbina juta e tessuti spalmati in oro. Elementi primitivi e riferimenti sartoriali sono anche al centro della collezione di Brunello Cucinelli, che veste il suo “charme rustico” di lino e canapa e li accosta a tele paracadute e fluide viscose, proponendo la giacca come nuovo cardigan, da abbinare alle gonne in tulle o ai pantaloni extralarge, stretti in vita da fusciacche.

Copyright © 2023 ANSA. All rights reserved.