Milano Unica si allea con Pitti Immagine nel digitale

Digitale e sostenibilità sono senza dubbio le parole chiave della 28esima edizione di Milano Unica, la rassegna sul mondo tessile in corso nel quartiere fieristico di Rho Fiera Milano dal 5 al 7 febbraio 2019. Mentre continua il suo percorso di sensibilizzazione dei player del comparto sui temi del rispetto ambientale e dell’economia circolare, il salone milanese annuncia un’importante partnership strategica con Pitti Immagine che la proietta nel futuro dei saloni professionali grazie alla nascita del marketplace B2B 'e-milanounica'.

Ercole Botto Poala

“Il prossimo 8 febbraio esordisce in versione pilota il progetto e-milanounica, che vedrà la sua completa realizzazione nell'edizione di luglio 2019”, ha rivelato alla platea della cerimonia inaugurale della fiera il presidente di Milano Unica, Ercole Botto Poala. “Il giorno dopo il termine della rassegna tutte le collezioni viste agli stand saranno online fino all’edizione successiva. L’obiettivo è di accorciare i tempi della filiera: vera e propria sfida del futuro”, chiosa Poala.
 
La nuova piattaforma si servirà del know-how consolidato nella digital transformation di Pitti Immagine, contribuendo a rafforzare l’asse della moda Firenze-Milano. “E-Pitti è partito 8 anni fa con l’intento di trasferire nel digitale la manifestazione, data l’impossibilità di poter visionare le proposte di tutti gli espositori presenti in fiera. Oggi lavorano al progetto oltre 100 persone per edizione tra fotografi e videomaker che catalogano oltre 75-76.000 prodotti”, ha spiegato Raffaello Napoleone, CEO di Pitti Immagine.
 
Napoleone ha inoltre sottolineato il crescente successo di questa formula, che ha portato sempre più buyer ad interessarsi al salone e permette, grazie all’incrocio dei dati sui prodotti più ‘cliccati’, di ottimizzarne l’organizzazione.
 
Al momento hanno aderito al progetto e-milanounica circa 60 aziende. Funzionerà come una vetrina permanente delle loro collezioni, 365 giorni l’anno. “Il mercato si evolve e molti nuovi clienti sorgeranno in zone difficilmente raggiungibili”, ha aggiunto Botto Poala. ”Come per Pitti, mi aspetto molti visitatori attivi sul marketplace ma assenti della fiera fisica”.

L'intervento di Raffaello Napoleone
 
Da 3 edizioni il tema della sostenibilità continua a rappresentare la voce principale dell’agenda di Milano Unica. Il presidente della manifestazione ha invitato ancora una volta tutti gli attori della filiera moda a lavorare in un’ottica di sistema: “Usciamo dai distretti”, afferma con forza Poala. “Si tratta di un tema globale, che va affrontato a livello europeo. È una partita da cui dipende la sopravvivenza dell’intero settore: l’esistenza e il successo di un’azienda non dipenderanno più dalla qualità del prodotto offerto, ma dalla sostenibilità dei suoi processi produttivi”.
 
Una sfida resa ancor più urgente se si guarda alle nuove tendenze del consumo dettate dalle generazioni più giovani. “I Millennials tanto attenti alla sostenibilità e all’ambiente”, continua il presidente del salone citando dati Altagamna, “rappresentano oggi il 20% dei consumi mondiali, il 50% fra pochi anni”.
 
Quest’anno, il progetto “green” di Milano Unica, a cui hanno aderito quasi 120 aziende con un totale di circa 700 campioni di tessuti e accessori, invita tutte le imprese e gli stakeholder il nuovo a realizzare l'ambizioso traguardo dell’integrazione dei principi della sostenibilità nella gestione di tutti i processi aziendali.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

TessileSaloni / fiere
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER