×
1 650
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
LABO INTERNATIONAL
Export Business Development Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
Pubblicità
Pubblicato il
27 ott 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Michele Norsa (Ferragamo): “Dubai nuova porta del lusso globale”

Pubblicato il
27 ott 2021

La pandemia ha cambiato la geografia del lusso globale. A beneficiarne in primis è stata Dubai, “il cui aeroporto, nel biennio 2019-20, è stato il primo al mondo per capacità di rimanere sempre aperto, soppiantando quasi tutti gli altri hub asiatici, come Singapore e Hong Kong”, spiega Michele Norsa, vicepresidente esecutivo della Salvatore Ferragamo in occasione del Milano Fashion Global Summit 2021.

Michele Norsa, vicepresidente esecutivo di Salvatore Ferragamo


Un primato che potrebbe diventare permanente. “Tutti i flussi asiatici verso Ue, Africa e in parte anche verso gli Usa sono passati da Dubai”, prosegue Norsa. La città-stato “sta cercando di sviluppare il mercato locale con grandi investimenti, come quello del Dubai Mall, e non è più solo la capitale di una regione, ma sta diventando uno snodo centrale a livello globale”.
 
Riflettori puntati anche sulla Cina, dopo che il covid ha accentuato il fenomeno del rimpatrio dei consumi, “un obiettivo che il governo cinese seguiva da almeno 5 o 6 anni per raggiungere la prosperità diffusa, evitando che i cinesi viaggiassero troppo all’estero”, precisa il manager. L’incremento della domanda interna ha avuto conseguenze immediate: “le griffe hanno alzato i prezzi dopo il venir meno dei benchmark di Tokyo, Singapore e Seul, e a seguito della rivalutazione dello yuan del 10% negli ultimi dodici mesi”, spiega Norsa. 

“Nei prossimi 12 mesi anche i cinesi potranno ricominciare a viaggiare con regole precise. E come effetto della politica governativa del ‘one child’, che ha ridotto le fasce più giovani, in Cina il consumatore di riferimento del lusso apparterrà alla fascia 30-60 anni, raddoppiata dal 1990 al 2020 e che conta 650 milioni di persone”.
 
Norsa è approdato in Ferragamo a giugno 2020 per sostenere il rilancio della griffe dopo i numerosi cambi di governance degli ultimi anni. “Sono stato chiamato in un momento di forte criticità, nel primo semestre 2020 l’ebitda era negativo per quasi 100 mln, mentre ora la redditività è in forte miglioramento. Avrei voluto fare di più per la crescita delle vendite, dove siamo rimasti un po' in ritardo, penalizzati dal travel retail in qualità di operatori tra i più presenti nei duty free di tutto il mondo”.
 
La società fiorentina è sbarcata a Piazza Affari proprio sotto la guida di Norsa.“La Borsa dà disciplina e permette un confronto con i best in class. Al momento della quotazione, Ferragamo valeva 9 euro ad azione e non raggiungeva 1,5 miliardi di capitalizzazione. Poi è arrivata a quota 5 miliardi, mentre oggi è sopra i 3 mld di capitalizzazione. Le grandi strutture hanno sicuramente dei vantaggi, ma le single brand company mantengono una maggiore identità e una maggiore connessione con il tessuto locale e la filiera produttiva”, conclude.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.