×
1 009
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
11 nov 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Met: un secolo e mezzo di moda in mostra a maggio per i 150 anni del Museo

Di
Ansa
Pubblicato il
11 nov 2019

150 anni di moda per i 150 anni del Met: dopo quella sull'immaginazione cattolica e quest'anno "Camp", il prossimo maggio la mostra e il gala in onore del Costume Institute del museo esploreranno il concetto del tempo con l'aiuto di Virginia Woolf, dell'oscuro filosofo francese Henri Bergson, di Meryl Streep e del divo di Hamilton, Lin-Manuel Miranda.

Surreal, David Bailey (British, born 1938), 1980 - Image courtesy of The Metropolitan Museum of Art, Photo © David Bailey


Il concetto di tempo è al centro della prossima fatica del curatore Andrew Bolton, sponsor stavolta Louis Vuitton e a far gli onori di casa oltre alla Streep (al suo primo gala) e a Miranda, saranno lo stilista della griffe francese Nicolas Ghesquière, Emma Stone e ovviamente Anna Wintour.

Il "dress code" del red carpet "sara' senza tempo" aveva anticipato la Wintour un mese fa alla conferenza Force of Fashion di Vogue. La mostra, che aprirà il 7 maggio preceduta il 4 maggio dal gala dell'anno, presenterà 160 capi dell'ultimo secolo e mezzo: un viaggio nel tempo attraverso l'immenso archivio del museo.

"La moda è intrinsecamente connessa con il tempo: non solo rappresenta e riflette lo spirito del tempo, ma cambia e si sviluppa coi tempi", ha detto Bolton presentando l'iniziativa come "una storia della moda re-immaginata, frammentata, discontinua e eterogenea".

Il punto di partenza è Orlando, il film di Sally Potter del 1992 basato sul viaggio nel tempo immaginato dalla Woolf nel suo omonimo romanzo del 1928 e in particolare la scena in cui Tilda Swinton entra in un labirinto abbigliata in una "robe à la Francaise" del 18esimo secolo e ne riemerge con un abito nell'Inghilterra del 1850. La scrittrice di Bloomsbury è "il narratore fantasma" della mostra con citazioni da Orlando, La Signora Dalloway e Gita al Faro, così come Susan Sontag lo era stata per "Camp".

Michael Cunningham, il cui romanzo Le Ore era una rilettura post-moderna di La Signora Dalloway, contribuirà al catalogo con un racconto. Bolton confronterà stilisti di epoche diverse come Azzedine Alaïa‎ e Vionnet oppure Poiret e John Galliano. Stabilirà giustapposizioni tra stilisti rivali e coevi, uno dei quali è sopravvissuto e l'atro come "Chanel e Patou negli anni Venti o Rei Kawakubo e Georgina Godley negli anni Ottanta".

Disegnata da Es Devlin, che ha creato i set del tour "Formation" di Beyoncé, la mostra è concepita come due sequenze cronologiche: quella tradizionale tra 1870 e oggi rappresentata da una "spina dorsale" di abiti neri, da cui si stacca una contro-cronologia quasi tutta in bianco con sprazzi di colore: quella che Bolton chiama le "pieghe nel tempo".

"Considerereremo la natura effimera della moda attraverso flashback e fast-forward per rivelare come tutto puo' essere lineare e allo stesso tempo ciclico", ha detto il direttore del Met, Max Hollein. Il 70% dei pezzi in mostra viene dalle collezioni de museo, con il resto entrato in occasione del 150esimo anniversario: donazioni di stilisti e collezionisti per colmare i vuoti della raccolta permanente.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.