×
1 434
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
24 giu 2009
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Maxisequestro a Milano di prodotti cinesi contraffatti

Di
APCOM
Pubblicato il
24 giu 2009

Milano, 24 giu. (Apcom) - E' uno dei maggiori sequestri di prodotti contraffatti mai realizzato a Milano, quello di 2,5 milioni di un'ampia gamma di prodotti importati illegalmente dalla Cina nel nostro paese, compiuto dal Gruppo della Guardia di finanza di Milano. Nell'operazione, che ha interessato diversi magazzini in provincia del capoluogo lombardo, sono stati denunciati quattro cittadini di origine cinese e uno di origine senegalese per contraffazione e ricettazione.


Foto : AFP

Per la precisione sono stati sequestrati 800mila articoli contraffatti, 1,6 milioni di prodotti non conformi alle normative di sicurezza, 5.160 pericolosi coltelli a serramanico proibiti e 83.400 tra dvd e cd. Tra i marchi contraffatti ci sono Hello Kitty, Nike, Louis Vuitton, Armani, Dolce & Gabbana e Burberry.

Occhiali da vista, giocattoli, scarpe, accessori di moda, materiale elettrico, elettronico e informatico, bigiotteria, borse e zaini, coltelli a serramanico, batterie per cellulari, fari allo xeno per auto: in pratica molti degli articoli più richiesti dal mercato, alcuni di bassissima qualità, altri di buona fattura, quindi forse non destinati esclusivamente al circuito dei bazar gestiti da commercianti di origine cinese.

I due milioni e mezzo di prodotti sequestrati sono una quantità enorme se si pensa che l'anno scorso la guardia di finanza ne ha sequestrati in tutta Italia circa 65 milioni. "Questo sequestro - spiega Roberto Fazio comandante del Gruppo della guardia di finanza di Milano - dimostra che ci si trova davanti a un'involuzione dello standard qualitativo del mercato, invaso da prodotti a modico prezzo, quindi estremamente concorrenziali, di bassissima qualità e in diversi casi anche pericolosi".

Un patrimonio di merci tolto dal mercato che, secondo le stime delle fiamme gialle, ha un valore approssimativo compreso tra i 7 e i 10 milioni di euro. Tutta merce prodotta in Cina e giunta in Italia via nave, migliaia di grossi scatoloni di cartone con le scritte in ideogrammi cinesi trovati stoccati, in attesa di essere venduti al dettaglio. Soldi immobilizzati dunque, il che da anche l'idea della disponibilità economica dei soggetti coinvolti in questo traffico e non solo di quelli denunciati per aver stipato cinque magazzini a Milano, un deposito a Novate Milanese e due negozi di via Niccolini (nel cuore della Chinatown meneghina), dove tra il 31 marzo e il 16 giugno sono stati compiuti i sequestri.

Le persone deferite sono quattro cittadini di origine cinese, tra i 22 e i 60 anni, imparentati tra loro e uno di origine senegalese, tutti in possesso di permesso di soggiorno, commercianti con regolare partita Iva.

Fonte: APCOM