×
1 607
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Merchandising Manager - Abbigliamento e Calzature - Padova
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Export Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · TREVISO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 set 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Max Mara: “Bonjour Tristesse” alla Bocconi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 set 2021

Una collezione di abiti per il post-lockdown dalla levigata regolarità e minuziosa sottigliezza quella vista da Max Mara, ispirata al grande romanzo femminista ed esistenzialista Bonjour Tristesse (1954).

Max Mara - Primavera-Estate 2022 - Milano - Foto: per gentile concessione di Max Mara - Photo: Courtesy of Max Mara


Il racconto di Françoise Sagan sull'idilliaco soggiorno estivo di una giovane donna mondana in Costa Azzurra - pubblicato quando aveva 18 anni - ha scioccato il mondo letterario a causa del carattere scaltro e consapevole della protagonista.
 
Ironia della sorte, per un romanzo basato sull'indolenza vacanziera, questa collezione è stata presentata in una sfilata tenutasi all'interno della Bocconi, la grande business school di Milano, all’esterno della quale si sono riversati migliaia di laboriosi e ambiziosi studenti per scattare foto delle modelle e delle celebrità in arrivo sul posto.

Qualunque sia stata l'ispirazione, resta il fatto che il risultato finale è stato una moda facilmente digeribile, con accenni all’iniziale stile beatnik della Sagan. Che significa abbigliamento elegante da operaio - dai grembiuli da pescatore (ma confezionati nei migliori popeline) ai giacconi pesanti (ma realizzati in cashmere double face). Lo stilista di Max Mara, Ian Griffiths, ha giocato sullo stile ribelle della Sagan con una brillante gonna decostruita realizzata sulla base di un trench ridotto. Si riesce benissimo ad immaginare Jean Seberg - protagonista della versione in lingua inglese di Bonjour Tristesse - indossarla. 

Max Mara - Primavera-Estate 2022 - Milano - Foto: per gentile concessione di Max Mara - Photo: Courtesy of Max Mara


Anche quando Griffiths ha usato il denim, esso sembrava un tessuto di alto valore, raffinato ed elegante, visto negli abiti a tunica oversize o nel cappotto gigante da operaio indossato da Gigi Hadid che ha concluso la sfilata. Tutto rifinito con impunture, come comparse in un film di Pagnol ambientato nel Mediterraneo.

“Invece di studiare, Sagan ha scritto un romanzo e ha idealizzato la sua perfetta estate di romanticismo e intrighi in Costa Azzurra come il perfetto momento esistenzialista. E stavo pensando a come abbiamo immaginato le nostre vite, e all'idea che possiamo uscire di nuovo e riscoprire la pura gioia di stare fuori nel mondo”, ha spiegato il designer, il cui mood board era pieno zeppo di immagini della versione classica di Otto Preminger del film tratto da Bonjour Tristesse, una visione stilosa di un'elegante noia.
  
Griffiths ha persino spedito in passerella alcune giacche e minigonne in tela a strisce da ombrellino parasole, gli stessi colori usati sulle sedie a sdraio da spiaggia dove sedeva il pubblico accuratamente distanziato secondo le norme in vigore. E, essendo questa una sfilata di Max Mara, il designer ha mostrato diversi deliziosi cappotti fluttuanti e caban in pelle di daino - in color crème caramel o arancio Guantanamo Bay.
 
Quasi tutti i look erano completati dai tipi di calzature più in voga visti fino ad ora nella stagione milanese: scarpe a zeppa coi lacci e stivaletti da centurione intrecciati.

Max Mara - Primavera-Estate 2022 - Milano - Foto: per gentile concessione di Max Mara - Photo: Courtesy of Max Mara


Ian ha anche fatto riferimento agli abiti degli anni '60 di Deborah Kerr - la vecchia fiamma del padre della Seberg nel film - aggiungendo al défilé un elemento moderno di minimalismo di strada.
 
Forse questo show di Max Mara non è stato eccezionale, ma come collezione per le donne che riemergono alla luce del giorno e alla vita sociale da quella prigione che è stata la pandemia è sembrata nonostante tutto corretta.
 
Un Max Mara più rivelatore, con molta più pelle in vista di quanto si fosse abituati a vedere nelle collezioni di questo marchio. Un brand inventato per vestire le ricche mogli dell'alta borghesia di provincia. Il che, ci viene in mente, è proprio l'ambiente sociale in cui si muovono molti dei personaggi di Bonjour Tristesse.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.