Matteo Marzotto (Dondup): “La sostenibilità sarà sempre più centrale per noi”

Dopo aver lanciato lo scorso novembre il jeans ecologico D/Zero in collaborazione con la Candiani di Robecchetto con Induno, specializzata da oltre 80 anni nella produzione di denim, Dondup intende perseguire sempre più un approccio sostenibile, come ci ha raccontato Matteo Marzotto, incontrato in occasione della presentazione della collezione AI 2019-20 del brand.

Matteo Marzotto, Presidente Dondup, con Nora Shkreli - Courtesy Dondup

“Il tema della sostenibilità diventerà sempre più centrale per noi. Abbiamo costruito una partnership con il migliore produttore di denim ecologico, basata anche sugli ottimi rapporti personali che si sono instaurati tra noi. La nostra visione si è incrociata con la loro, parliamo lo stesso linguaggio”, ha spiegato Marzotto, Presidente di Dondup. “Vogliamo ampliare la produzione: non abbiamo applicato costi aggiuntivi a D/Zero, quindi un aumento dei volumi ridurrebbe l’impatto economico di questo tipo di proposta. Ma vogliamo anche allargare il concetto di sostenibilità ad altre categorie, come la lana o il cotone”.
 
Matteo Marzotto conferma l’attenzione dei giovani su queste tematiche: “Abbiamo partecipato a due incontri organizzati dai ragazzi della Bocconi per meglio comprendere questi argomenti; l’Università, inoltre, realizzerà a maggio e a settembre dei corsi di formazione sulla sostenibilità. I giovani hanno già una propensione verso capi green, bisogna solo aiutarli nella scelta”.

Dondup, autunno/inverno 2019-20
 
Sul fronte business, l’azienda sta puntando molto sul suo e-commerce diretto, lanciato lo scorso luglio. “Abbiamo investito molto sulle persone e sulle procedure, continuando con il nuovo AD Matteo Anchisi (nominato a gennaio, ndr) il percorso già tracciato dal precedente. Stiamo lavorando anche sulle tempistiche di ideazione e presentazione delle collezioni, fondamentali per arrivare sul mercato con i tempi giusti. Oggi siamo pronti per essere competitivi anche all’estero”, prosegue Marzotto.
 
Dondup, che oggi possiede un solo monomarca, a Milano, intende continuare a concentrarsi sul wholesale per il prossimo futuro, sviluppando anche progetti di pop up store e capsule collection dedicate, come quello realizzato la scorsa primavera in Giappone, che sarà replicato nei prossimi mesi a Hong Kong.
 
La collezione proposta dalla griffe per la prossima stagione invernale si ispira al romanzo “Il Grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald e allo stile degli anni ’20, periodo di trasgressione, party esclusivi e abiti da cocktail. Tra i modelli protagonisti della collezione, vestiti a sottoveste lunghi di seta stampata, micro-abiti in paillettes rosso abbinati a cappotti over in pied de poule, camicie e capispalla con ricami in lurex, paillettes e applicazioni che simboleggiano il tema dello zodiaco e della cabala. Viene riletto anche il classico smoking maschile, proposto in tre pezzi: blazer, capospalla e pantaloni con dettagli sartoriali, ma forme femminili. Il denim si arricchisce di applicazioni, ricami e dettagli che gli conferiscono un tocco glam.  
 
Dondup, fondata nel 1999 da Massimo Berloni e Manuela Mariotti e controllata dal 2015 dal fondo internazionale di private equity L Catterton, ha chiuso l’anno fiscale lo scorso 30 aprile 2018 con un fatturato di 54,7 milioni di euro, realizzato per il 75% in Italia.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

DenimInnovazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER