×
1 331
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 set 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Marks & Spencer verso una diminuzione della sua profondità all'estero

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 set 2016

L’insegna del Regno Unito mette un freno alle sue ambizioni di espansione internazionale. Il nuovo CEO Steve Rowe intende annunciare in novembre l'adozione di nuovi provvedimenti per razionalizzare la rete britannica, ma soprattutto per contrastare il declino dei profitti all'estero della catena con sede a Londra, ma fondata a Leeds nel 1884. La possibile chiusura del costoso negozio parigino degli Champs-Élysées di Marks & Spencer era già stata esaminata e paventata dalla direzione in primavera.

Steve Rowe giudica “insostenibili” i disavanzi del marchio all'estero, e ha precisato che occuparsene diventerà la sua priorità. Una posizione che aveva manifestato in modo fragoroso la scorsa primavera annullando l'apertura di un concept store ad Amsterdam, a soli due mesi di distanza dall'addio del suo predecessore olandese Marc Bolland, andatosene dall'azienda in aprile. Adesso gli osservatori si aspettano che vengano chiusi gli indirizzi esteri che presentano le attività con i maggiori passivi.

Questa politica strategica rappresenta il secondo tipo di impulso dato dal nuovo Chief Executive dopo quello che punta a dare nuova linfa alle vendite di prodotti non alimentari, diminuite nell'esercizio precedente. Il management intende infatti migliorare ed affinare l'offerta di abbigliamento riducendone i prezzi di vendita per riconnettersi con i consumatori.

“Continuiamo a sovraperformare negli alimenti, ma anche a sottoperformare nell'abbigliamento e negli articoli per la casa (…)”, spiegava Steve Rowe in maggio. “Abbiamo una visione chiara delle misure necessarie per recuperare e sviluppare queste attività, che sono la nostra priorità (…). Siamo comunque convinti che il nostro impegno nel fornire dei buoni prodotti, prezzi e servizi aiuterà l'attività 'Clothing & Home' a riprendere la sua crescita”.

Nell'esercizio 2014-15, Marks & Spencer aveva registrato una stabilità delle vendite, a 10,31 miliardi di sterline (14,3 miliardi di euro), ma anche una contrazione dell'utile netto del 7%. Già allora l'abbigliamento era stato il principale accusato, e l'estate 2015 fu caratterizzata dalle partenze di John Dixon, all'epoca responsabile del settore non-food, e di Frances Russel, responsabile delle linee femminili di abbigliamento.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.