×
1 128
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 set 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Marks & Spencer dovrebbe uscire dall'indice FTSE 100 della Borsa di Londra

Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 set 2019

Marks & Spencer sarà escluso dall’indice FTSE 100 della Borsa di Londra per la prima volta dalla sua creazione nel 1984, secondo i calcoli dell’agenzia Reuters realizzati sulla base dei prezzi di chiusura di martedì.

Photo d'archives/REUTERS/Suzanne Plunkett


L’azienda di distribuzione creata 135 anni fa, le cui vendite stanno soffrendo, tanto da portarla a chiudere diversi negozi, ha ormai un valore di non più di 3,7 miliardi di sterline (4,08 miliardi di euro), il che la classifica al 115° posto nella classifica delle principali capitalizzazioni del mercato londinese.
 
FTSE Russell, il fornitore dell'indice del London Stock Exchange, include nell’indice FTSE 100 solo le società che figurano tra le prime 110 capitalizzazioni del mercato.

La prossima revisione della composizione dell'indice si baserà sui prezzi di chiusura di martedì prossimo e i suoi risultati sono attesi dopo la chiusura di mercoledì, con le eventuali modifiche che entreranno in vigore il 23 settembre.
 
FTSE Russell ha annunciato lunedì scorso che Marks & Spencer era una delle società che probabilmente sarebbero state escluse dall'indice di riferimento di Londra in base ai prezzi di chiusura del venerdì.
 
Ilprincipale problema della catena britannica (che quest’anno ha dovuto affrontare anche inedite problematiche di approvvigionamento per i prodotti di abbigliamento e per la casa) è capire se il suo business nella moda un giorno tornerà a crescere, dopo anni passati a cercare invano di dargli un po' di energia. Alcuni mesi fa, la società ha registrato un nuovo calo di fatturato (del 3,6%) della divisione Abbigliamento e Casa, mentre il suo giro d’affari su base comparabile è diminuito dell’1,6%.
 
Ne ha fatto le spese Jill McDonald, cui lo scorso luglio è stato dato il benservito. La manager, arrivata nell’ottobre2017 a guidare la divisione Abbigliamento, Casae Bellezza di M&S, pur se priva di esperienza diretta in questi campi (proveniva da percorsi in Halfords e McDonald’s), non è riuscita a rilanciare le vendite dei prodotti non alimentari della società britannica.
 
Il CEO Steve Rowe ha comunque voluto vedere il bicchiere mezzo pieno, e ha considerato positivo il bilancio del periodo McDonald: “Jill si è impegnata ad istituire una piattaforma solida prima di poterci impegnare nella trasformazione della divisione Abbigliamento e Casa. E c’è riuscita”, ha dichiarato allora. Ma nonostante le belle parole di Rowe, i fatti e le cifre dicono il contrario, ovvero che la manager non è riuscita a raggiungere i risultati sperati.

Con Sandra Halliday

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.