×
1 314
Fashion Jobs
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Direttore Commerciale ww Borse
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
THE ROW
Women's And Men's Footwear Technician
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MALIPARMI
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
Pubblicato il
27 gen 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Maison Margiela, Saint Laurent...: perché molti brand perdono il nome di battesimo del fondatore?

Pubblicato il
27 gen 2015

Il cambiamento si è verificato quasi di nascosto, in sordina, senza alcun comunicato ufficiale. Con l'arrivo alla direzione artistica di John Galliano da Maison Martin Margiela, il nome di battesimo Martin è stato eliminato. Ribattezzata semplicemente Maison Margiela, la griffe si è in un certo qual modo affrancata dal suo fondatore.

La nuova etichetta di (Yves) Saint Laurent Paris


Nel 2012, era stato Yves Saint Laurent a vedersi tagliato il nome con l'arrivo al timone del brand di Hedi Slimane. In questo caso, il nome del marchio era stato ulteriormente modificato con l'aggiunta di Paris. La griffe è stata così ribattezzata Saint Laurent Paris, come a sottolineare la sua origine, simbolo di stile e artigianalità.

Ogni cambiamento nel nome di una label, per quanto minimo sia, viene studiato attentamente ed entra a far parte della strategia di marketing del brand. In generale, le case di moda evitano di rendere pubblici questi aggiustamenti, in modo da non spaventare i clienti e i fan del marchio, fino a quando il nuovo nome non venga identificato in automatico nelle loro menti.

Del resto, questa pratica è comune nel settore della moda, dove succede spesso che una maison perda il nome di battesimo del suo creatore a seguito della morte di quest'ultimo, come Dior per Christian Dior, Chanel per Coco Chanel e, più di recente, Versace per Gianni Versace.

"Eliminare il nome di battesimo dello stilista è un modo per perpetuare il marchio, per eternarlo. E segna anche il passaggio dallo stato di griffe a quello di marchio globale. Senza contare che un nome più corto e più semplice è più facilmente riconoscibile e più efficace da utilizzare e declinare su tutti i prodotti, dagli occhiali ai profumi”, analizza Salvo Testa, professore di Fashion Management alla Bocconi di Milano.

Alcuni l'hanno capito prima. Quando la stilista Miuccia Prada, nipote di Mario Prada, artigiano pellettiere che ha fatto nascere il marchio, ha rilevato l'azienda di famiglia “Fratelli Prada”, l'ha ribattezzata semplicemente con il suo cognome, senza il nome. Stesso comportamento per il produttore di valigie in pelle Guccio Gucci. A seguito del proprio successo, l’azienda fondata nel 1921 G. Gucci & C. si trasforma in Gucci negli anni '60, creando un nuovo logo molto semplice, ma molto efficace: le celebri due G incrociate di Guccio Gucci.

“In generale, le griffe sono associate al nome del loro creatore e basano tutta la loro comunicazione attorno a questo personaggio, spesso dipinto, se si tratta di uno stilista, come un demiurgo, o persino un guru. Questo meccanismo permette di costruire un'identità coerente attorno alla marca. Fin quando il marchio arriva a coincidere con il personaggio, questo tipo di comunicazione funziona. Quando il designer fondatore scompare, il tutto diventa più complicato”, prosegue Testa.

Nel caso di Salvatore Ferragamo, per esempio, il marchio continua a presentare il nome del suo fondatore, l’artigiano delle calzature che ha fondato la label. Ma come nota Salvo Testa: "In alcuni casi, gioca anche l'elemento affettivo. Wanda, la moglie di Salvatore Ferragamo, è ancora viva, e non è ancora pronta a vedere eliminato il nome del marito”.

In effetti, non c'è nessuna regola assoluta. In Italia, per esempio, senza necessariamente essere degli stilisti, numerosi imprenditori hanno chiamato come loro stessi il proprio brand, da Brunello Cucinelli a Ermenegildo Zegna, pur mantenendo il loro nome di battesimo, per quanto lungo fosse...

Dominique Muret (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.