×
754
Fashion Jobs
SHOWROOM MARCONA3
Shoes Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
DFP INTERNATIONAL SPA
Commerciale / Customer s
Tempo Indeterminato · CORROPOLI
THUN SPA
Head of Real Estate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
CONNECTHUB DIGITAL
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
Di
Ansa
Pubblicato il
31 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Macy's mette in congedo la maggior parte dei suoi 130.000 dipendenti

Di
Ansa
Pubblicato il
31 mar 2020

Uno tsunami sulle vendite al dettaglio. L'ondata di chiusure legate al coronavirus travolge i grandi magazzini, già in crisi con l'ascesa di Amazon e il cambio dei gusti dei consumatori. E così di fronte al crollo delle vendite Macy's mette in congedo senza paga la maggior parte dei suoi 130.000 dipendenti, assicurando solo la copertura fino a maggio del premio per l'assicurazione sanitaria.

Il flagship di Macy's in Herald Square a New York - Macys'


Si tratta di un colpo pesante a un mercato del lavoro americano già caduta libera. Secondo uno studio della Fed di New York, l'emergenza coronavirus rischia di tradursi nella perdita del posto di lavoro per 47 milioni di persone entro giugno, con un tasso di disoccupazione che può raggiungere il 32,1%, superando il picco del 24,9% della Grande Depressione. I primi dati sull'occupazione hanno già mostrato le evidenti ferite inflitte dal coronavirus: nella settimana che si è chiusa il 21 marzo la cifra record di 3,3 milioni di americani ha chiesto sussidi alla disoccupazione. I dati ufficiali sul mercato del lavoro sono attesi venerdì. Secondo le stime l'economia ha perso in marzo 100.000 posti di lavoro rispetto ai 273.000 creati in febbraio. Il tasso di disoccupazione è atteso salire al 3,8%.

Numeri destinati a salire data l'estensione fino al 30 aprile delle linee guida sul distanziamento sociale decisa da Donald Trump. Un allungamento che rischia di travolgere il settore delle vendite al dettaglio: 630.000 outlet sono stati costretti a chiuder e la National Retail Federation stima in 430 miliardi i ricavi che l'industria vedrà andare in fumo nei prossimi tre mesi. Il vero nodo - è l'allarme - è quanti outlet e grandi magazzini saranno in grado di riaprire.

Le difficoltà di Macy's si inseriscono in questo quadro. La società congeda la maggior parte dei suoi dipendenti decidendo di mantenere solo la "forza lavoro minima per le operazioni di base". Per risparmiare il colosso ha anche deciso di fermare le spese di capitale e il pagamento del dividendo, oltre a prelevare risorse da linee di credito a cancellare alcuni ordini. Insomma tagli a tutto campo, anche gli stipendi dei manager, per cercare di superare la tempesta e riaprire.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.