×
1 433
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 nov 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

LVMH si issa in testa alle capitalizzazioni della Borsa di Parigi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 nov 2020

LVMH lunedì ha battuto un record storico raggiungendo la maggiore capitalizzazione del mercato borsistico parigino. Dopo un su è giù fatto di diversi rimbalzi, che ha visto il suo titolo salire di quasi il 20% dall'inizio dell'anno, il numero 1 mondiale del lusso ha oltrepassato i 250 miliardi di euro di capitalizzazione, con il prezzo delle sue azioni che ora è pari a 498,8 euro.

LVMH polverizza il tetto della maggiore capitalizzazione della storia alla Borsa di Parigi - twitter.com/LouisVuitton


Nessuna società quotata a Parigi aveva mai raggiunto questa soglia simbolica. E ciò accade persino dopo l’impatto determinato dalla pandemia sui risultati del gruppo. Titolare di un portafoglio di settantacinque prestigiosi marchi nella moda (Louis Vuitton, Dior, Givenchy, Fendi, Guerlain, ecc.) così come nel campo dei vini e degli alcolici, il gruppo francese ha registrato una diminuzione di fatturato del 21% nei primi nove mesi dell'anno (a dati organici e pubblicati), a 30,348 miliardi di euro.
 
L’azienda guidata da Bernard Arnault ha sicuramente beneficiato di un contesto di Borsa positivo, trainato dagli annunci sullo stato di avanzamento della ricerca scientifica sui vaccini anti-Covid-19 e dal risultato delle elezioni negli Stati Uniti. Ma non solo. Sicuramente ha giocato a favore anche l'accordo annunciato a fine ottobre con Tiffany & Co., dopo che il fidanzamento si era interrotto a settembre, a conferma di un'acquisizione considerata la più grande nella storia del lusso.

Soprattutto, le sue dimensioni e la resilienza di fronte alla crisi del Covid-19 hanno consentito a LVMH di continuare a realizzare delle belle performance sul mercato, proprio come per gli altri grandi nomi del lusso francese. Infatti, Hermès ha visto il prezzo delle sue azioni salire di oltre il 25% in un anno, Kering di oltre l'11%. Come è stato sottolineato questo martedì mattina durante il summit sul lusso Milano Fashion Global Summit 2020 (MFGS), organizzato da Class Editori, “in Francia, tutti i gruppi del lusso sono in crescita in Borsa dall'inizio dell'anno, mentre in Italia sono tutti in calo, ad eccezione di pochi nomi, come Moncler, Brunello Cucinelli e Prada”.
 
“La dimensione dell'azienda è un elemento fondamentale per il suo sviluppo e la sua capacità di reagire alle crisi, come dimostra il gap che si è ampliato, fino a raddoppiare in sei anni, tra i ricavi cumulati dei primi tre gruppi francesi di moda-lusso e quelli dei primi 15 gruppi italiani. Tra il 2014 e il 2019, il fatturato totale dei tre leader francesi è salito dell’80% passando da 25 a 45 miliardi di euro, quello delle prime quindici aziende di moda italiane quotate in borsa è cresciuto solo dell'11%, passando da 16 a 18 miliardi nel medesimo periodo”, ha ricordato Maurizio Tamagnini, il CEO di Fondo Strategico Italiano.
 
“L'importanza delle loro dimensioni ha anche consentito ai maggiori player del lusso di continuare a generare liquidità durante la crisi, mentre le aziende più piccole hanno bruciato il loro cashflow, e hanno subito il doppio della pressione causata dal calo delle loro vendite”, ha inoltre osservato Tamagnini.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.