×
1 281
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Commerciale & Marketing (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 giu 2021
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

LVMH rafforza il suo impegno sostenibile con weturn

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 giu 2021

Con l'approssimarsi dell’entrata in vigore in Francia della legge Agec (legge anti-spreco per un'economia circolare), che entrerà in vigore il 31 dicembre, vietando tra l'altro la distruzione dell'invenduto, il settore della moda comincia a riorganizzarsi e trasformarsi. Alcuni gruppi, come il colosso del lusso LVMH, la anticipano incrementando i progetti. Dopo aver lanciato "Nona Source" ad aprile, una piattaforma di rivendita online di tessuti e pelli provenienti dagli stock inutilizzati delle sue case di moda, l'azienda francese annuncia una partnership con weturn, start-up sua connazionale che trasforma vecchi materiali tessili in nuovi filati di qualità.

Uno dei filati riciclati di alta qualità prodotti dalla start-up - weturn


Questa iniziativa consentirà ai brand della galassia LVMH di riciclare i propri prodotti invenduti, ovvero prodotti protetti da proprietà intellettuale, una volta studiate le soluzioni di donazione e riuso, per dare vita a nuovi tessuti eco-progettati. Si ricorda che il sito Nona Source esclude dalla sua offerta i pattern esclusivi sviluppati dalle griffe del gruppo, così come i loro materiali logati, da qui l'interesse a trovare altre soluzioni per riciclarli.
 
“weturn ci ha presentato un progetto estremamente convincente e rilevante, in particolare per quanto riguarda la legge sugli invenduti. Il nostro obiettivo è creare un vivaio per start-up, PMI e partner, per mettere in pratica una vera economia circolare”, spiega a FashionNetwork.com Hélène Valade, direttrice dello sviluppo ambientale di LVMH.

“Abbiamo bisogno di questo ecosistema perché la questione è complessa. Ecco perché la stiamo affrontando in anticipo. Richiede una logistica incredibile. C'è molto da fare sull'economia circolare. Questo è uno dei pilastri del nostro programma Life 360, la cui sfida è inserire il 100% dei nuovi prodotti in un approccio di eco-design entro il 2030”, prosegue la manager, che attualmente valuta quasi tre start-up al mese, alla ricerca della perla rara.
 
Creato nel settembre 2020 da Sophie Pignères, weturn permette alle firme e ai produttori di riciclare i propri tessuti invenduti, e anche rotoli di tessuti logati e scarti di produzione, per farli diventare nuovi filati di qualità, 100% tracciabili ed europei, in una logica di circolarità e conformità normativa. L'azienda si definisce un fornitore di servizi e un coordinatore tra i vari attori del settore, per conto di terzi.

Hélène Valade - Gabriel De La Chapelle


“Abbiamo selezionato una rete di partner logistici e industriali specializzati nel riciclo dei filati, ai quali subappaltiamo ordini da maison, marchi e distributori, che ci forniscono il loro materiale da riciclare. Gestiamo tutte le fasi, dalla raccolta alla cernita, dal riciclo alla filatura”, spiega Sophie Pignères, sottolineando la qualità dei suoi filati riciclati.
 
“Prima di tutto, abbiamo a che fare con materiali molto belli. Stiamo lavorando a un nuovo deposito di materie prime, organizzato e indicizzato. Abbiamo anche sviluppato con i nostri team di ricerca e sviluppo un metodo specifico di smistamento e raccolta”, sottolinea. Le collezioni di filati weturn garantiscono quindi “proprietà superiori ai prodotti esistenti sul mercato. Questi ultimi derivano principalmente dal riciclo di capi di abbigliamento post-consumo, danneggiati e difficili da smistare”.
 
“Ciò che costituisce da sempre il valore del lusso, ovvero l'utilizzo delle risorse più nobili, si sta rivelando oggi una risorsa, perché esse permettono di realizzare un vero riciclo. Facciamo anche appello all'innovazione e i nostri designer utilizzano sempre più queste fibre riciclate. È un modo per dare il rango che merita a questo mondo del riciclo, che in passato non era considerato molto desiderabile”, analizza Hélène Valade.
 
Una volta riciclato, il filato weturn viene o riutilizzato dalle case di moda nei loro laboratori, o venduto sul mercato. Gli acquirenti sono produttori, tessitori e fabbricanti di maglieria, a loro volta contattati dai vari attori del settore, alla ricerca di simili materiali riciclati di alta qualità e completamente tracciabili, ancora oggi difficili da reperire sul mercato.

Sophie Pignères - weturn


“Riunire tutti questi attori non è stato complicato perché, in effetti, c'era una domanda reale. Si tratta di nuove professioni, prima gestite in via accessoria, che ora si trovano al centro della scena e che semplicemente cercavano l’interlocutore migliore”, osserva Sophie Pignères, che ha trovato in LVMH il suo principale partner.
 
Il gruppo parigino del lusso ha sostenuto weturn in particolare nella fase pilota della start-up attraverso cinque delle sue maison, che hanno testato filati riciclati per vari progetti (packaging, accessori, tessuti per laboratori, divise per team o progetti di ricerca per la loro integrazione in prodotti prêt-à-porter).
 
Accanto a Nona Source e weturn, LVMH collabora anche con La Réserve des arts, associazione nata nel 2008 che dà una seconda vita agli scarti delle opere artistiche offrendoli a prezzi bassi ai designer di domani. Il gruppo destina a questa entità le decorazioni delle vetrine dei negozi dei suoi marchi.
 
“Mentre i nostri designer integrano sempre di più l'upcycling nelle loro collezioni, la piattaforma Nona Source consente loro di ottenere tessuti e pellami inutilizzati di alta qualità e Cedre, l'azienda specializzata nella raccolta dei rifiuti, interviene sul fine vita dei prodotti, weturn offre alle nostre maison la possibilità di riciclare sotto forma di bobine di filo i loro prodotti finiti invenduti, nonché i loro tessuti griffati e gli imballaggi tessili. Si crea così un ecosistema completo attorno alla circolarità creativa, fonte di ispirazione per i nostri stilisti. Il cerchio si chiude!”, conclude Hélène Valade in un comunicato.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.